developed and seo specialist Franco Danese

Cirrocumulo, ovvero cielo a pecorelle: conosciamo i nomi delle nuvole

Quella volta che salimmo a bordo di Joshua, la barca mito di Moitessier
13 agosto 2017
Guido Cavalazzi, il signore delle vele racconta
14 agosto 2017

Nuovi termini nautici per la nostra rubrica estiva, ma questa volta ci dedichiamo a un argomento molto caro a chiunque va per mare: il meteo. Sapete riconoscere, e leggere, i segnali che ci da il cielo? Ogni nuvola ha un nome e significa qualcosa, andiamo a vedere quelle più comuni che potremo riconoscere per “studiare” le evoluzioni del tempo.

Cirro: Nube leggera, biancastra, di struttura filamentosa, a ciuffo o fiocco o a forma di strette bande bianche, molto alta (cir- ca 9 chilometri dal suolo), spesso isolata oppure in formazione rada, costituita da minuti aghi di ghiaccio.

Cirrocùmulo: Nube densa, biancastra, a forma di fiocco o di massa globulare, in gruppi o in linee parallele (tra i 5000 e gli 11.000 metri di quota), tipica del cosiddetto cielo a pecorelle.

Cùmulo: Nuvola bassa a struttura omogenea e a contorni ar- rotondati, con la sommità a cupola o a protuberanza e la base qua- si orizzontale, la cui formazione è dovuta a correnti ascendenti, a una quota di 1800 metri. Indica instabilità meteorologica.

Cumulonèmbo: Densa massa di nuvole che si eleva, a for- ma di montagna o di torre, anche fino a 10.000 metri di quo- ta; è di colore bianco nelle parti illuminate dal sole, azzurro nelle parti in ombra e molto scuro nella zona inferiore. Preannuncia temporali.

PER SAPERNE DI PIU’ CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi