Snark, la barca amore di Jack London che gli costò “mille parole al giorno”


Vi stiamo presentando, in ordine di tempo, quelle che secondo noi sono le 30 barche mitiche della storia della vela. Hanno fatto imprese, riuscite e non, hanno segnato la storia dello yachting moderno, hanno stupito perché hanno osato anticipare i tempi. Non le troverete mai esposte in un museo reale, noi ve le mostriamo, vi raccontiamo le loro incredibili storie e vi invitiamo a votare online la vostra preferita.

VOTA LA TUA PREFERITA QUI!

Oggi vi parliamo dell’amore/odio di uno dei più grandi scrittori dell’epoca contemporanea: la goletta Snark di Jack London. Leggete la sua curiosa storia…

jack londonLO SNARK E LE “MILLE PAROLE AL GIORNO” (1907)
Nel 1906, a trent’anni, Jack London è al culmine del successo. Da piccolo teppista proletario è diventato uno dei più grandi scrittori, giornalisti e fotografi dell’epoca. Ha già scritto i capolavori “Il richiamo della Foresta” e “Zanna Bianca”. Divorzia dalla scialba Bessie e sposa l’intrepida Charmian, che gli sarà compagna sino alla sua morte prematura.

E decide di realizzare i suoi due sogni, comprare un ranch e possedere uno yacht con cui fare il giro del mondo. Ma per potersi permettere questi due acquisti stravaganti si condanna ai lavori forzati, deve produrre mille parole al giorno, 365 giorni all’anno, per non andare in bancarotta. Così non si reca mai a seguire la costruzione dello Snark (la creatura immaginaria di “Caccia allo Snark” di Lewis Carroll).

jack londonDella costruzione della goletta, lunga 21,33 m (compreso il bompresso) e larga 4,57 m, se ne occupa uno zio della moglie, che si rivelerà un incompetente. Complice il terremoto che si abbatte su San Francisco, la barca viene pronta con sei mesi di ritardo, i costi salgono da 15.000 a 30.000 dollari. Nel 1907 Snark parte alla volta delle Hawaii.

Durante il viaggio inaugurale la barca si rivela un disastro e deve rimanere cinque mesi in cantiere prima di riprendere la crociera. London e la moglie ripartono, raggiungono le selvagge isole Marchesi, la Polinesia, le Samoa e le Figi, le Nuove Ebridi, le Salomone. Jack è lo skipper, ma non smette di scrivere le mille parole al giorno. Con qualsiasi mare, con ogni tempo.

SCOPRI LE 30 BARCHE DEL MUSEO VIRTUALE

TUTTE LE NEWS E LE CURIOSITA’ DELLE MITICHE 30 BARCHE

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su