developed and seo specialist Franco Danese

Controlli estivi. Per favore datemi il bollino blu così quest’estate sono salvo!

La barca più brutta del mondo? L’abbiamo paparazzata a Varazze GALLERY
18 luglio 2017
Stai per partire? Dodici idee per navigare felici e informati
19 luglio 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Pensate cosa accadrebbe se il Ministero dei Trasporti emanasse una circolare che consiglia gli automobilisti di andare nella sede della motorizzazione più vicina per richiedere il controllo preventivo annuale della propria auto, al fine di ridurre i controlli sulla strada. Alla fine del controllo, se il responso e’ positivo la Motorizzazione rilascia un bollino blu da mettere sul parabrezza.

fonte immagine: https://www.vistanet.it/cagliari/blog/2017/06/16/pattuglie-piedi-mare-controlli-mirati-sulle-coste-sarde-mare-sicuro-2017/

Statene certi, partirebbero fiumi di articoli, servizi dei TG in tv, il web e i social impazziti. La maggior parte dei commenti sarebbe negativa. “Ma cosa fanno, i controlli preventivi sulla mia auto al fine di ridurre i controlli successivi? Ma perché mi dovrebbero controllare? Perché partono dal principio che non sono in regola? Insomma ci sarebbe un’insurrezione popolare.

BOLLINO BLU, SALVAMI TU (MA PERCHE’?)

State tranquilli automobilisti, tutto questo non accadrà, per ora. Mentre per il quarto anno consecutivo, lo stesso ministero dei Trasporti ha emanato la “direttiva Bollino blu” per la nautica da diporto per le barche che battono bandiera italiana. Che cos’è, per chi non, lo sa il Bollino Blu? Con un’iniziativa unica nel panorama mondiale per mare (e sui laghi) chi vuole può richiedere al primo controllo delle dotazioni di sicurezza (che vengono già controllate da un’apposito ente circa ogni 5 anni, come nelle auto c’è la revisione) un bollino blu da apporre in una zona visibile (dove?) così da evitare ulteriori controlli da parte dei corpi delegati (per fortuna adesso sono diventati due e cioè Guardia di Finanza e Guardia Costiera) durante la stagione estiva (da quest’anno anche per chi fa noleggio).

Per questa iniziativa del Bollino Blu l’associazione di categoria snocciola dati trionfalistici, una riduzione del 48% delle verifiche in mare nel 2015/2016. Siamo lieti di tutto ciò. A noi resta un dubbio, perché mi dovrebbero controllare se non ho commesso un’infrazione? In un paese normale, nel resto dei mari del mondo si viene fermati e controllati se si ha commesso un’infrazione, non preventivamente e a tappeto per verificare se la barca e il conduttore sono in regola, come accade in Italia. Risposta, ma se hai il Bollino blu non ti controlliamo più. Si ma perché devo avere il bollino blu per stare tranquillo?

SCOPRI TUTTE LE PORCHERIE ALL’ITALIANA NEL NOSTRO SPECIALE
“MALEDETTA BUROCRAZIA”

2 Comments

  1. Rinaldo ha detto:

    io ho il bollino blu dallo scorso anno. Controllato mentre ero all’ancora (difficile fare infrazioni se si è oltre i 300 mt dalla costa, con il pallone ben visibile, mentre si dorme). L’ho applicato sulla poppa, visibilissimo. Unico problema sotto i raggi del sole e la pioggia si sta disintegrando: ottimo materiale! Chissà chi ha vinto l’appalto, quanto costa ogni bollino e se hanno fatto un test.
    Rinaldo

  2. Andrea ha detto:

    Scusate, ma dov’è il problema dei controlli periodici a campione? Non vi è mai capitato di incontrare i carabinieri sul ciglio della strada che fermavano le auto per fare i controlli di routine?
    Come fai a capire se le dotazioni di sicurezza di una barca sono in regola se non la fermi e non controlli di persona? Non siamo esattamente un paese di onestoni dalla coscienza pulita, quindi se vuoi far rispettare delle regole credo che questo sia l’unico modo, fastidioso o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi