Orche in Mediterraneo! La guida per riconoscere i cetacei

Pochi giorni fa e’ stata avvistata un’orca (Orcinus Orca) tra Marina di Ragusa e Casucce, in Sicilia. La sicurezza di questo evento non è al 100%, ma questa notizia ha destato allarme tra gli esperti. Un mammifero non troppo mansueto che misura sino a 9 metri e pesa sino a 9 tonnellate può essere pericoloso per le barche, le persone e la pesca?

Per i ricercatori del Thetis, che da vent’anni studia i cetacei in Mediterraneo, non c’è vero pericolo e neppure nulla di strano, come precisa la ricercatrice Sabina Airoldi sulla rivista della Natura: “L’orca è considerata una specie “occasionale” nei nostri mari, al pari di megattere e kogia (simile al capodoglio, ma più piccolo – ndr) e la sua presenza è documentata fin da tempi storici, anche se in acque italiane i casi certi sono meno di 10 e risalgono agli anni Settanta-Ottanta (l’ultimo a Ponza nel 1987).

Questa specie, infatti, è normalmente residente nelle acque dello Stretto di Gibilterra e saltuariamente si allunga in Mediterraneo raggiungendo le isole e le coste della nostra penisola”. E in merito alla pericolosità dell’Orca aggiunge:” Per quanto riguarda i rischi non c’è nulla di cui preoccuparsi dato che non esistono casi documentati in natura di attacchi di orche agli esseri umani”. Nessun'”orca assassina” dunque, se questa fosse davvero la specie avvistata in Sicilia, ma solo un grosso e intelligente delfino in visita nel Mediterraneo, e vista la scarsità attuale delle nostre risorse ittiche, non ci sarebbe da stupirsi se non soggiornasse a lungo”.  Ma come si fa a riconoscere un cetaceo? Cliccate l’immagine qua sotto, stampatevela o scaricatevela sul telefono e portatela con voi in barca. E se volete fare una vacanza in barca diversa, partecipate ad una crociera nel mar Ligure o in Grecia con Thetis. Buon avvistamento Mediterraneo estivo.

SCOPRI ALTRE NEWS DI CROCIERE E AVVENTURE


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su