Barche in fiamme al porto, il drone riprende tutto a distanza ravvicinata VIDEO

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>


drone
A livello puramente giornalistico, questo vuol dire trovarsi nel posto giusto al momento giusto.

Brian Muscatell stava provando il suo drone per riprese in quota all’Everett Marina (Washington, USA) quando è scoppiato l’incendio documentato dalle immagini (che riprendono anche l’arrivo dei pompieri).

Una barca ha preso improvvisamente fuoco (pare che avesse problemi meccanici) mentre stava ormeggiando e le fiamme si sono sparse intorno. Raggiungendo altre cinque imbarcazioni e costringendo chi era a bordo a gettarsi in acqua per salvarsi. Una persona è rimasta ferita.

LE INCREDIBILI IMMAGINI DAL DRONE DELL’INCENDIO

Lucky us. Polly and I were at the right place at the time. Yeowser!

Pubblicato da Brian Muscatell su Domenica 9 luglio 2017

SCOPRI LE ULTIME VIDEO NEWS

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

uomo a mare

VIDEO Uomo a mare recuperato in 28 secondi netti. Applausi!

Questo video, apparso sulla pagina Facebook di Drone Project, mostra una manovra di recupero dell’uomo a mare eseguita alla perfezione. Fidatevi, non era facile. Considerando anche la flotta di barche in velocità e a distanza ravvicinata. Siamo alla prima tappa

Torna su