A Trieste è una festa “Mascalzona”: tutti italiani i campioni del mondo ORC

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il Cookson 50 Mascalzone Latino Campione del Mondo ORC gruppo A. Foto Ranchi

Difficile e tecnico, così si è confermato il Mondiale ORC di Trieste che ha premiato le barche, i tattici e gli equipaggi che meglio si sono destreggiati nel vento leggero e nei salti. Fa festa il Cookson 50 Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato nel gruppo A che centra il titolo con un’ultima giornata d’autorità caratterizzata da una grande costanza. Nel gruppo B il titolo va allo Swan 42 Be Wild di Renzo Grottesi, nel gruppo C la vittoria è andata invece al Melges 32 Airis di Cesare Bressan. Tre titoli mondiali a barche italiane che ancora una volta si confermano al vertice nel mondo delle regate ORC, certificando la grande vitalità del movimento altura nel nostro paese.

Ultima giornata di grande suspence nella brezza triestina, con gli equipaggi a giocarsi i titoli mondiali all’ultima prova con l’ingresso degli scarti. Il gruppo A infatti si decide sul filo del rasoio, Mascalzone Latino si impone per appena un punto sul Tp 52 russo Freccia Rossa di Vadim Iakimenko, il terzo gradino del podio va allo Swan 42 Sheera di Maurizio Poser staccato di appena due punti dal leader. Fuori dal podio Altair 3, lo Scuderia 50 di Sandro Paniccia al quale non basta un terzo nell’ultima regata: Altair finisce a pari punti con Sheraa, la quale però vanta un primo in race 8 che vale il bronzo.  Il titolo Corinthian va al Tp 52 Zerocould di Danilo Falzitti, davanti al Comet 50 Verve di Giuseppe Greco, terzo posto per il Solaris One 44 Trinity+ austriaco di Peter Scicho.

Anche per il gruppo B l’ultima giornata ha segnato numerosi sconvolgimenti nella classifica originariamente guidata dall’X41 russo Technonicol.

Lo Swan 42 Be Wild, campione del Mondo ORC gruppo B. Foto Carloni

Con una vittoria nell’ultima prova la zampata decisiva la piazza BeWild, lo Swan 42 di Renzo Grottesi che si prende una bella rivincita dopo l’Italiano di Monfalcone (LEGGI QUI COSA ERA SUCCESSO). Alle sue spalle, staccata di 5 punti, lo Swan 42 Selene Alifax di Massimo De Campo, terzo posto per l’M45 Horus Tempus Fugit di Nadia Canalaz. Il titolo Corinthian va invece al Grand Soleil 43 Reve de Vie di Ermanno Galeati, secondo posto per il Grand Soleil 39 Morgan IV di Nicola De Gemmis, terzo l’IMX 45 Adrenalina a 1000 di Bucciarelli/Gaspari.

Grandissimo equilibrio anche nel gruppo C, dove gli scarti hanno premiato le barche più costanti ma anche chi nell’ultima giornata a mantenuto i nervi saldi sia in partenza che nel complicato vento leggero del percorso.

Il Melges 32 Airis di Cesare Bressan, campione del Mondo ORC gruppo C

Il titolo va alla barca che meglio forse ha saputo interpretare queste condizioni, il Melges 32 Airis di Cesare Bressan, seguito dal Farr 30 Sease di Franco e Giacomo Loro Piana (il progetto di Farr sembra vivere una seconda giovinezza), il terzo posto è infatti di un altro Farr 30, Mummy One di Alessio Querin (Già campione italiano ORC), che vede sfuggire un risultato più importante a causa della bandiera nera rimediata nell’ultima regata. Il titolo Corinthian va all’X35 Extrema di Andrea Bazzini, davanti all’X37 Hansen del danese Michael Mollmann, terzo posto dell’Italia 998 Lady Day 998 di Corrado Annis.

Soddisfatto Dede De Luca di One Sails, la veleria sponsor tecnico della manifestazione: “Ho visto un bel campionato, nonostante il vento abbia un po’ latitato si sono portate a casa 7 prove in una classe e 8 nelle altre due. Una flotta molto agguerrita e con un livello alto, in acqua abbiamo visto belle battaglie. Forse per l’ORC è un po’ inusuale che abbiamo vinto barcche più da regata che da crociera, ma questo è stato determinato anche dalle condizioni meteo. Come veleria siamo molto soddisfatti, non abbiamo lavorato molto dato il vento leggero, ma la cosa importante e l’obiettivo era essere di supporto all’evento più importante della stagione. In acqua eravamo la veleria più rappresentata insieme alla North, stiamo ampiamente dimostrando di essere competitivi e le nostre barche lo sono state tutta la settimana. Siamo finiti sia sul podio overall che in quelli Corinthian, sembrava potessero arrivare risultati ancora superiori ma la vela è così“.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT

 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi