Quando l’ormeggio si fa duro la soluzione si chiama effetto evolutivo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Avete presente quando c’è poco spazio ed il vento soffia lateralmente? Sicuramente questo è uno di quei casi da definire come ormeggio difficile. Manovrare una barca a vela a basse velocità, in spazi ristretti e magari a marcia indietro con vento laterale si può rivelare un’operazione veramente difficile. Ammettiamolo, almeno una volta a tutti è capitato di fare una figuraccia in porto con queste condizioni, di finire sulle cime del vicino e avere qualche difficoltà a venirne fuori.

Non tutti i porti sono sufficientemente ampi per manovrare con facilità e spesso, sarà forse per la legge di Murphy, il vento non è mai a favore… Quando vi avvicinate al posto assegnato, tenete sempre presente che manovrando a motore non si sposta la prua, ma la poppa.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi