developed and seo specialist Franco Danese

Non è mai troppo tardi (ovvero il giro del mondo in solitario a 80 anni suonati)

Quando il look è tutto: quattro barche usate per chi non vuole passare inosservato
27 giugno 2017
marina dei cesari
I murales come valore aggiunto: l’esempio di Marina dei Cesari
28 giugno 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

stanley paris
Mentre tutti i flash erano puntati sulla roboante Coppa America, ci siamo resi conto che le Bermuda offrono tante storie di mare in attesa di essere raccontate. Questa che vi raccontiamo ha come protagonista il dottor Stanley Paris (la seconda la trovate QUI). Fisioterapista neozelandese con il pallino del giro del mondo (ha due tentativi di circumnavigazione falliti alle spalle), il prossimo 14 novembre salperà da St. Augustine, in Florida, per dirigersi verso le Bermuda e da qui si lancerà nell’impresa, ovviamente in solitario e senza scalo: piccolo particolare, Paris quando mollerà gli ormeggi avrà 80 anni suonati.

stanley paris

Il dottor Stanley Paris e Kiwi Spirit II

stanley paris

La barca

ALTRO CHE PHILEAS FOGG!
Il record da battere, da Bermuda a Bermuda, è quello stabilito da Dodge Morgan nel 1986, che su American Promise impiegò 150 giorni, un’ora e sei minuti. Un primato ottenuto a 56 anni: “Voglio essere la persona più anziana della storia a circumnavigare il globo e fare anche il record“, racconta Stanley. Se riuscirà, il dottore entrerà nella storia: Phileas Fogg lo fece in 80 giorni nel famoso romanzo di Jules Verne, lui a 80 anni. “Entrambi i miei precedenti tentativi non sono andati a buon fine, tutte e due le volte mi sono dovuto fermare in Sudafrica. Nel 2014 per avarie all’attrezzatura di coperta, nel 2015 per uno strappo irreparabile alla randa. Ma io sono fatto così: continuo a provarci finché non ci riesco“. Il dottor Paris ha la testa dura: lo ha dimostrato in passato attraversando a nuoto la Manica al terzo tentativo, mentre l’anno scorso ha percorso, in bici, 3000 miglia in 30 giorni.

UNA SUPERBARCA AD HOC
Così, per il nuovo giro del mondo, si è fatto una barca super: Kiwi Spirit II, un fast-cruiser di 53 piedi (17,33 metri per 5,26) con scafo in composito e cuore di schiuma di Corecell, ottimizzato per la navigazione in solitario e costruito a Kiel su progetto di Finot-Conq: dotato di chiglia sollevabile e uno spigolo che corre lungo tutto lo scafo, di delfiniera integrata e di piano velico con randa square top, genoa, fiocco sullo strallo di trinchetta, sprayhood ampio e avvolgente, lo scafo ricorda un IMOCA 60 nelle forme ma è molto meno spartano. Gli interni sono infatti dotati di ogni comodità.  www.stanleyparis.com 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi