Melges 40: la prima del super monotipo è tutta italiana

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Era una delle barche più attese della stagione e ha già iniziato ad attirare l’attenzione dei migliori professionisti in circolazione. Stiamo parlando del Melges 40, l’ultimo monotipo ad alte performance sfornato dalla casa americana che ha fatto il suo esordio come classe nelle acque di Porto Cervo.

Stig(con lo spagnolo oro olimpico Jordi Calafat alla tattica), questo è il nome del primo vincitore di una regata dedicata al nuovo monotipo Melges 40. Alessandro Rombelli, armatore e timoniere del team italiano già Campione del Mondo nelle classi Melges 20 e Melges 32, appone la propria firma nella storia del Melges 40 Grand Prix. Alle spalle di Stig si piazza INGA di Richard Goransson (a bordo nel ruolo di tattico l’italiano Vasco Vascotto), terzo  SYNERGY GT di Valentin Zavadnikov con Ed Baird alla tattica.

La chiglia

Alcune delle grandi particolarità di questa barca sono la chiglia basculante ed il doppio timone, che prefigurano un utilizzo non solo tra le boe ma anche in regate costiere o offshore.

è controllata elettricamente grazie a un sistema dell’italiana Cariboni, che ne prevede l’inclinazione fino a un massimo di 45°. Il problema dell’inclinazione della chiglia, e quindi della diminuzione della sua portanza (con conseguente aumento dello scarroccio), è stato risolto con la presenza di un daggerboard centrale.

SOLUZIONI “BOTINIANE”
Il fatto che il nuovo Melges 40 sia frutto di una filosofia di più ampio respiro rispetto agli altri modelli del cantiere, studiati per le regate tra le boe, è messo in evidenza anche dalla presenza della doppio timone. A poppa uno spigolo accennato, reminescenza “botiniana” dei TP52. Il punto di baglio massimo è spostato molto a poppa: questo lascia intendere una capacità di planata piuttosto accentuata. Anche il timone a barra avanzato è molto TP52 (si è visto anche sui Maxi 72), studiato per concentrare meglio i pesi a centro barca. L’armo prevede una randa square top. www.melgeseurope.com

SCHEDA TECNICA
Lunghezza ft 11,994 m
Lunghezza al galleggiamento 11,10 m
Baglio max 3,53 m
Dislocamento 3.250 kg
Pescaggio 3,20 m
Equipaggio 8 persone
Motorizzazione 20 hp
Sup. Randa 72 mq
Sup. fiocco 49 mq
Sup. gennaker 200 mq

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Cino Ricci, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’ America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le 90 candeline, ha ricevuto la

Ambrogio Beccaria - Alberto Riva

Dopo il ritiro: Ambrogio Beccaria marinaio come tutti

Fresco di ritiro dalla Quebec-Saint Malo (la regata di 2897 miglia nell’Atlantico del Nord, dal Canada alla Francia) a causa di una falla sulla sul suo Class 40 AllaGrande Pirelli, Ambrogio Beccaria si è lasciato andare a questa intensa riflessione.

Registrati



Accedi