“Prologo a chi?”: ecco perché questo Italiano d’Altura è una figata (TUTTE LE CLASSIFICHE)

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

italianoProsegue alla grande il Campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura, che assegna il Trofeo Stroili: oggi con arie più sostenute (sempre da libeccio e sud-sud-ovest, dai 10 ai 14 nodi) che hanno consentito lo svolgimento di tre prove. Arriva a sette il conteggio di quelle totali, domani basterà soltanto una prova per concludere il programma. A livello di classifiche, i giochi sono (quasi) fatti. (foto di Andrea Carloni)

“PROLOGO” A CHI?

Ma prima due parole: si sbagliava di grosso chi considerava questo evento solo come “prologo” del Campionato Mondiale ORC, in programma dal 30 giugno al 4 luglio nelle vicine acque di Porto San Rocco. Altro che regata-test, quella organizzata dallo Yacht Club Hannibal con base all’omonima Marina. Settantacinque barche al via, agonismo puro, regate con distacchi minimi (eppure i lati arrivavano a misurare anche quasi 2 miglia) e barche tirate.

Ma anche gli scafi meno “corsaioli” – attenzione, si tratta comunque di barche che in regate normali vincono eccome! – hanno avuto la loro dose di adrenalina: tanti i match-race tra armatori, magari di First 36.7, 40.7, Grand Soleil 40 e via dicendo. E tanti duelli “in monotipia” come quelli tra i tre Swan 42 (Be Wild, Selene Alifax, Sheera) e i ben sei Italia Yachts 9.98 (Sugar, Lady Day 9.98, Low Noise II, Sarchiapone, Nereis, Giulia). In poche parole una bella regata. Oggi in banchina si è visto anche il presidente della FIV Francesco Ettorre, in look “man in black” con camicia nera e occhiali scuri.

Vediamo le classifiche:

Altair 3

GRUPPO A – ORMAI E’ FATTA PER ALTAIR 3
Lo Scuderia 50 Altair 3 di Sandro Paniccia non ha sbagliato davvero nulla in questo suo Campionato, fino ad ora. Essendo di gran lunga la barca più veloce della flotta, la lotta dell’armatore civitanovese e dell’equipaggio è soprattutto contro il tempo. Partire bene, virare su ogni scarso alla ricerca della VMG, ignorare gli avversari e correre. Strategia che è riuscita fin qui alla perfezione (eccetto nella prova 5, la prima di giornata, caratterizzata da una partenza non al top).

Sono tanti, troppi i 10 punti che separano Altair 3 da Sheera di Maurizio Poser (YC Hannibal, a bordo Enrico Zennaro): ma nella vela tutto può accadere. Al terzo posto l’M45 Horus di Lidia Canalaz (YC Cupa), mentre Be Wild, Swan 42 di Renzo Grottesi, scivola al quarto posto (complice anche la penalizzazione del 50% sui risultati ottenuti nelle prime quattro prove e il nuovo certificato di stazza). Qui lo screenshot dei primi 10, sotto il link alla classifica completa.CLASSIFICA GENERALE GRUPPO A

Sugar

GRUPPO B – RIBALTONE AL VERTICE
Dicevamo, nella vela tutto può accadere. E accade così che Mummy One, il Farr 30 di Alessio Querin (YC Hannibal) incappi in una giornata no dopo i quattro primi posti iniziali, cedendo il passo a Sugar, Italia 9.98 dell’estone Ott Kikkas (va detto che ai fini della classifica del Campionato Italiano Mummy One rimane in testa). Le due barche sono separate da un solo punto, domani ci si giocherà il tutto per tutto per la vittoria assoluta: forse con aria leggera Mummy One – che paga di qualche secondo a miglio l’Italia 998 è più performante, con vento testo la situazione si inverte). Al terzo posto un altro esemplare del cantiere di Franco Corazza progettato da Matteo Polli, Lady Day 998 di Corrado Annis (YC Adriano), seguito da un’altra gemella, Low Noise II di Giuseppe Giuffré (YC Chiavari). Qui lo screenshot dei primi 10, sotto il link alla classifica completa.CLASSIFICA GENERALE GRUPPO B

Eugenio Ruocco

IL “CASO BE WILD” E LA PENALIZZAZIONE ALLA BARCA

LA CRONACA DELLA SECONDA GIORNATA DI REGATE

LA CRONACA DELLA PRIMA GIORNATA DI REGATE


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su