Italiani d’Altura, che bello regatare dove è nata la vela

Di fastidioso ci sono soltanto le zanzare. Per il resto, questo Campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura (che assegna anche il Trofeo Stroili) non poteva trovare una base migliore. Siamo al Marina di Hannibal, a Monfalcone (Gorizia), da 51 anni al servizio della vela. Da qui sono usciti molti campioni ma soprattutto in tantissimi hanno mosso i primi passi velici nella scuola fondata dall’olimpionico Sergio Sorrentino intitolata al velista triestino Tito Nordio: una vera e propria scuola di mare – la prima sotto l’egida federale in ordine di tempo – oggi diretta da Dario Malgarise (ex navigatore di Luna Rossa). Un tripudio di bambini che razzola tra i bungalow in legno che ricordano un po’ la Norvegia, magari tra questi crescerà qualche asso che ci farà sognare.

Altair 3, Scuderia 50 di Sandro Paniccia

BUONA LA PRIMA
Per la prima volta lo YC Hannibal presso il marina (che deve il suo nome al maestro d’ascia Annibale Pelaschier, lo zio di Mauro, grande amico di Sorrentino), che si è riscoperto covo di regatanti e non solo porticciolo e scuola di mare, si è lanciato nell’organizzazione di un evento velico importante quale l’Italiano assoluto d’Altura (il Mondiale, dal 30 giugno al 4 luglio, sarà invece a Porto San Rocco): il “buona la prima” è suggellato anche dal fatto che 75 barche a un Campionato Nazionale ORC non si erano mai viste.

Mummy One di Alessio Querin con il numero 27

IL PRIMO GIORNO
Dopo i primi due giorni dedicati alle stazze, ieri le prime due prove: una brezzolina di sette nodi ha messo a dura prova i tattici e non sono mancate le sorprese. In classe 0-2 (quella dedicata alle barche più lunghe) è andato fortissimo lo Scuderia 50 Altair di Sandro Paniccia (CV Portocivitanova), con i parziali di 2-1. Assieme a lui, a bordo, Sandi Suc, Jas Farneti, Massimiliano Zanollo, Bruno Cioli, Filippo Borghi, Andrea Dignani, Luca Ricci, Enrico Turrini, Giuseppe Mascino, Andrea Caracci e Tiziano Nava. Per quanto riguarda la Classe 3-4, ha sorpreso tutti il Farr 30 Mummy One di Alessio Querin (YC Hannibal), che annovera Francesco Bertone (fresco vincitore della 151 Miglia a bordo di Lisa), Stefano Cherin, Federico Del Zompo, Marco Furlan, matteo Leghissa e Matteo Omar. Al momento in cui scriviamo, è in corso la terza prova. Presto l’aggiornamento. Qui tutte le classifiche provvisorie

Eugenio Ruocco

Foto di Andrea Carloni


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su