developed and seo specialist Franco Danese

The Fifty, il nuovo 50 piedi che parla italiano. Cosa ne pensate?

Velista scuffia, rischia la vita: occhio quando andate in deriva!
19 giugno 2017
Argentario Sailing Week: quando la bellezza non ha tempo, i vincitori delle regate Panerai
19 giugno 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Eleva Yacht. Memorizzate questo nome, perché la cantieristica italiana si arricchisce di un nuovo marchio, che vuole dire la sua nel mercato dei fast cruiser. Eleva Yacht nasce presso Carbon Line, un noto costruttore conto terzi di imbarcazioni.

Il primo modello è The Fifty, uno scafo di 50 piedi, disegnato da Giovanni Ceccarelli, e pensato per la crociera veloce. The Fifty è il modello entry level di una gamma di fast cruiser (Eleva Fast Cruiser) che vedrà scendere in acqua altri scafi di dimensioni maggiori. Ma andiamo a dare un’occhiata da vicino al The Fifty, il modello con cui il cantiere ha deciso di lanciarsi sul mercato.

Caratterizzato da linee di carena pensate per un dislocamento medio leggero, questo scafo è costruito in epoxy sottovuoto con coperta in carbonio. Guardando il profilo della barca si notano una prua alta sull’acqua e una tuga leggera che si ferma subito a pruavia dell’albero. Le linee d’acqua sono caratterizzate da sezioni di poppa larghe e svasate, relativamente strette al galleggiamento e con importanti volumi di prua. Queste linee promettono una barca stabile e bilanciata, che punta ad avere ottime prestazioni nelle andature larghe e portanti sotto gennaker. Dotato di doppia timoneria, è provvisto di chiglia in acciaio scatolare con bulbo in piombo per abbassare il centro di gravità e aumentare il momento raddrizzante.

Degno di nota anche l’ampio pozzetto che combina bene comodità da crociera e manovre disposte in maniera ergonomica per la regata. Il piano velico è caratterizzato da un albero posizionato circa a mezza nave, che consente una distribuzione equilibrata delle vele in tutte le andature. L’armo è frazionato al 90% e sono previsti un genoa al 104%, una trinchetta e un Code 0 montato sul bompresso, sul quale può essere armato anche un gennaker.

Il layout della compartimentazione interna prevede la distribuzione ormai classica per unità di questa dimensione: tre cabine e due bagni di cui uno dedicato alla cabina di prua, considerata armatoriale e uno alle due di poppa e per uso diurno. Mentre la disposizione delle cabine letto non cambia è prevista una opzione per la cucina, che può essere come da progetto originale a centro barca oppure in posizione più classica in prossimità della scaletta di discesa. Anche il divanetto centrale può essere trasformato in tavolo carteggio.

Gli interni sono pensati per vivere il mare con ampie parti vetrate ed aperture in tuga per un corretto movimento dell’aria questo per il pia cere di abitare anche l’interno della barca. Gli arredi sono strutturali, in gran parte realizzati in composito poi rivestito di essenze di legno prodotte da ALPI , che offre una ampia scelta di essenze che abbinato alle scelte dei tessuti per i rivestimenti saranno parte della personalizzazione che ogni cliente vorrà proporre. La finitura di ogni barca sarà personalizzata in base alle esigenze della committenza. Puntando alla qualità è stata fatta una grande ricerca per i materiali, gli impianti e gli accessori le finiture. http://www.elevayachts.com/

 

I NUMERI DEL FIFTY 50
Lft.: 16,50 m
Largh.: 4,86 m
Pesc.: 2,45/2,87 m
Disloc.: 10.500 kg
Sup. vel.: 154 mq
Zavorra: 3.900 kg
Cabine: 3
Serb. acqua: 510 l
Serb. gasolio: 270 l

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi