Sarà una finale Oracle-Team New Zealand? Tre match point per i kiwi

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

E’ vero che in Coppa America non si può mai dire, ma ormai possiamo provare a sbilanciarci. Pronostici rispettati, Team New Zealand andrà a sfidare (secondo noi) Oracle Team USA. Per adesso la finale sfidanti tra Artemis e i kiwi è sul punteggio di 4-2 per quest’ultimi, che ieri hanno iniziato male perdendo la prima gara e consentendo agli svedesi di pareggiare. Nel secondo match hanno dimostrato la propria superiorità e nel terzo, il più al “cardiopalma” della giornata, con i neozelandesi, che pur in vantaggio, hanno sbagliato la lay line finale e sono riusciti a spuntarla per soli 2 secondi.

La stellina kiwi Peter Burling sembra mancare di un po’ di cattiveria in alcune situazioni ma di contro dimostra un controllo impressionante in manovra. Nathan Outteridge sembra meno a suo agio nella conduzione dell’AC50, ma ha a suo fianco un Ian Percy ispiratissimo e in grande crescita. In vista della giornata finale non mancano quindi gli spunti di grande interesse, anche se la palla ormai sembra in mano ai neozelandesi.

Da stasera, ogni regata sarà match-point per Peter Burling e soci. Noi ci sbilanciamo (forse saremo anche un po’ di parte, con Max Sirena a far da manager ai kiwi), e pensiamo che Coutts e Spithill se la dovranno vedere con i loro più acerrimi avversari. E sarà sfida vera.

IL RIASSUNTO
Dopo la prima serie di Qualifiers (alle quali ha partecipato anche Oracle Team USA), terminate con l’eliminazione di Groupama Team France, sono andate in scena le semifinali (con gli americani che stanno a guardare): Team New Zealand, avendo chiuso al secondo posto i Qualifiers dietro a Oracle e al primo tra gli sfidanti, ha conquistato il diritto a scegliersi l’avversario, individuato in Ben Ainslie, giudicato forse l’anello più debole. Infatti ha avuto vita facile nonostante una scuffia nella seconda giornata di regate, chiudendo sul 5-2. Nell’altra semifinale Team Artemis ha battuto Team Japan 5-3. ETNZL e Artemis si stanno sfidando nella “finalona” e i kiwi conducono per 4-2. Il vincente sfiderà il defender Oracle a partire dal 17 giugno.

TUTTE LE NEWS DE “IL GIORNALE DELLA COPPA”

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Coppa America: come sta il defender Team New Zealand?

Per la seconda volta nella storia della Coppa America un defender proverà a tenersi il Trofeo giocandosela lontano da casa propria. Ci era riuscita Alinghi nel 2007 a Valencia, ma questa volta per Emirates Team New Zealand è diverso. Barcellona

Coppa America Roma

Quando la Coppa America era già a Roma, ma…

Lascio spazio al racconto sul sogno sfumato di disputare la Coppa America in Italia, a Roma. Lo narra Claudio Gorelli, nel 2010 magistrato prestato al Governo, allora presidente dello Yacht Club Roma. Un episodio che torna di grande attualità dopo

Registrati



Accedi