developed and seo specialist Franco Danese

Debutta a Porto Cervo Ribelle, l’ultima “fiamma” dei superavvocati milanesi Trifirò

Tutto quello che avreste voluto sapere sulle “non barche” della Coppa ma non avete mai osato chiedere. FOTO GALLERY
1 giugno 2017
vacanza
“Cosa è per voi una vacanza in barca?”, boom di risposte. Ecco alcune delle più belle
1 giugno 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

La famiglia Trifirò ha legato da sempre il suo nome alla vela. Salvatore Trifirò, il titolare dell’omonimo studio milanese che si occupa di diritto del lavoro e societario, naviga da sempre. Sua moglie Paola si è appassionata dopo averlo conosciuto.

ribelle

Salvatore e Paola Trifirò

La lista di barche da loro possedute nel tempo è lunghissima, dal primo sette metri e mezzo Calife, acquistato in Francia, fino al 50 metri Zefira, il più grande superyacht a vela senza flybridge mai realizzato da Dubois Naval Architect, passando per barche d’epoca e da regata.

ribelleUN AMORE “RIBELLE”

Il nuovo amore della coppia, adesso, si chiama Ribelle. Ha fatto il suo debutto alla Loro Piana Superyacht Regatta di Porto Cervo (al timone il “barone” Francesco De Angelis), è lungo 32,64 metri ed è stato costruito dai cantieri olandesi Vitters su progetto di Malcom McKeon. Una superbarca che fa del titanio e del carbonio i suoi elementi principali (pesa solo 84 tonnellate), larga 7,72 metri e con un pescaggio di 6,05. Nella prima giornata di regate non ha certo sfigurato, chiudendo al secondo posto: “E’ stato un ottimo inizio per una barca nuova, con soli due giorni di allenamento alle spalle. Oggi abbiamo avuto un vento fantastico, siamo certamente soddisfatti della barca ma soprattutto dell’equipaggio, hanno fatto un lavoro magnifico”, hanno detto i Trifirò.

Gli interni, curati da Remi Tessier (teak chiaro, cuoio bianco, rame laccato, rafforzato ulteriormente da un rivestimento in vetro), prevedono tre cabine, una armatoriale, una VIP e una con due letti singoli, mentre per l’equipaggio sono disponibili cinque cuccette.

In configurazione da crociera, la barca è armata con fiocco autovirante e asimmetrici rollabili per le portanti. Ma in regata arma un gioco di vele da ultracompetizione, e le velocità, in condizioni di vento moderato, possono arrivare a toccare i 20 nodi. “E’ una barca molto piacevole da timonare, ha delle linee d’acqua bellissime, stiamo imparando a conoscerle”, ha detto De Angelis.

Foto di apertura di Carlo Borlenghi, altre foto di Jeff Brown/Breed Media

SCOPRI LE ULTIME NEWS DI BARCHE & CANTIERI

1 Comment

  1. Io ha detto:

    chissà come sono contenti i clienti dello studio Trifirò …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi