Un mito chiamato Sparkman & Stephens: due barche icone dello studio americano

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Per chi ama le barche dalle forme “classiche” e le linee retrò, il nome di Sparkman & Stephens suona come una dolce musica. I progettisti americani hanno infatti fatto la storia dello yachting, segnando un’epoca e influenzando lo sviluppo del design successivo. Il nome Sparkman & Stephens è legato a cantieri di assoluto prestigio, che hanno fatto la storia delle barche a vela, uno su tutti Swan.

Lo studio newyorkese infatti, tra i ’60 e gli ’80 del ‘900, ha disegnato alcune pietre miliari del mondo delle barche a vela, barche senza tempo che ancora oggi fanno impazzire gli appassionati. Curiosando su Topboatmarket ne abbiamo incontrate un paio, una delle quali rappresenta una vera e propria icona.

Al ‘ Nair V – Alpa 12.70

L’idea di questa barca fu di Toni Pierobon, un nome che ha segnato la storia dello yachting in Italia. Il dentista veneto, cresciuto professionalmente a Londra e poi rientrato in Italia, aveva già posseduto barche realizzate su progetto Sparkman & Stephens, come il cutter fatto costruire dal cantiere Carlini. Alla fine degli anni ’60 Pierobon commissiona ai progettisti americani una nuova barca, con l’intenzione di realizzare uno yacht veloce per partecipare alle principali competizioni d’altura. La costruzione venne affidata al cantiere Alpa, che realizza questo 12.70 concepito sulla stazza RORC. Ne vengono costruiti 14, barche molto marine, solide e per i tempi anche piuttosto veloci. Al’Nair V è proprio la barca costruita per Toni Pierobon e varata nel 1971. SCOPRI QUI IL MODELLO IN VENDITA

Swan 36

Qui non stiamo parlando di una semplice barca, qui stiamo parlando di un mito. Lo Swan 36 fu infatti la prima barca in assoluto prodotta dal cantiere finlandese. Il primo modello, Tarantella, fu lanciato nel lontano 1967. In totale ne furono costruite 90, fu l’inizio della saga Swan firmata Sparkman & Stephens. La barca raccolse molti successi anche sui campi di regata, era stata infatti concepita con una chiglia più fine rispetto a quelle di moda all’epoca. Lo Swan 36 infatti non aveva la tipica chiglia luga di quel periodo, ma il timone e lo “scarpone” erano ben separati.  SCOPRI QUI IL MODELLO IN VENDITA

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE E CANTIERI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Un mito chiamato Sparkman & Stephens: due barche icone dello studio americano”

  1. Un altro esempio ben riuscito di un progetto di Sparkman & Stephens è del cantiere Zuanelli , Z 40 che è tuttora in produzione, una barca marina solida e performante…..

  2. vi siete dimenticati che prima dello swan c’era il gaia del cantiere Benello
    tra l’altro in vendita proprio su topboatmarket

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Torna su

Registrati



Accedi