SCANDALO Il posto barca? Inquina più di una piattaforma petrolifera!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Un posto barca? Inquina come una pozzo di petrolio! Questa è l’ennesima assurdità che sta alla base della proposta da Enrico Borghi, presidente dell’Unione Nazionale Comuni, Comunità ed Enti Montani (votata alla Camera) di aumentare del 10% il canone di concessione demaniale per gli ormeggi situati in Aree Marine Protette e in aree ad esse adiacenti.

COME LE PIATTAFORME PETROLIFERE
Lo stesso surplus riservato nelle AMP a piattaforme petrolifere, oleodotti, metanodotti, impianti di produzione di energia superiore a 100 kW (che peraltro, nelle succitate “aree adiacenti”, non avranno aumenti!) Ma che cosa sperano di ottenere in Parlamento? Se aumentano i canoni demaniali, questo inciderà sul costo degli ormeggi.

Chi va per mare è costretto a ridurre le crociere (o andare all’estero), l’indotto turistico e legato al diporto frena, diminuisce il lavoro, aumentano ulteriormente i prezzi. E non è finita qui: per gli anni successivi al primo è previsto il pagamento di “servizi ecosistemici” (quali sarebbero, non si sa).

Pagamento dal quale sono esentate strutture quali campeggi, stabilimenti balneari, B&B, alberghi. Follia pura. Caro, Borghi, lei che è un “montanaro”. Si ricorda i danni che fece Monti?

SCOPRI TUTTE LE ALTRE ASSURDITA’ ALL’ITALIANA PER PESCARE NELLE TASCHE DEI DIPORTISTI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

5 idee regalo di Natale per appassionati di nautica

Regali di Natale: 5 idee perfette per chi va in barca

  In cerca di regali di Natale da fare ad un appassionato di nautica? Abbiamo la soluzione per te, anzi cinque soluzioni, direttamente direttamente dallo stand di Indemar – distributore italiano di componenti e accessori nautici – alla Milano Yachting Week. Ecco

Torna su