VIDEO Gli yankee si ritrovano Oracle per cappello? Ne approfittiamo. Viaggio nella storia delle superscuffie

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


L’ultimo a scuffiare, in ordine di tempo, è stato il defender Oracle Team USA, durante un allenamento a Bermuda in vista della 35ma America’s Cup. Qua sopra vedete come è andata a finire. Nessun ferito, queste barche si capovolgono che è un piacere, verrebbe quasi da dire “tutto nella norma”. La recente storia della Coppa America, d’altronde, è costellata di scuffie e ingavonamenti! Già che c’eravamo, spulciando sul web abbiamo scovato vari ribaltamenti di MOD70 e maxi trimarani. E allora… Buona visione!

VIRBAC PAPREC – MOD70

Nel 2013, Jean-Pierre Dick e Roland Jourdain si sono resi protagonisti di questa scuffia spettacolare con il MOD70 Virbac Paprec durante un allenamento alla Route du Rhum.

SPINDRIFT – MOD70

Yann Guichard si è ritrovato la barca per cappello durante la inshore race dublinese della Route des Princes nel 2013.

RACE FOR WATER – MOD70

Il MOD70 Race for Water, con a bordo l’imprenditore svizzero Marco Simeoni, si è capovolto nel settembre scorso in oceano Indiano, mentre stava concludendo un viaggio iniziato a marzo per la catalogazione delle “isole di plastica” nei mari del mondo.

BANQUE POPULAIRE IV

Nel 2009 Pascal Bidegorry, su Banque Populaire IV, è stato suo malgrado protagonista di questa ingavonata incredibile, conclusa con il ribaltamento, durante l’Alpe Maritimes Trophy a Nizza.

GUNBOAT G4

Ha fatto il giro del mondo il filmato che riprende la scuffia del Gunboat G4 Timbalero III, il primo catamarano dotato di foils in configurazione “da crociera”, durante Les Voiles de Saint Barth.

AC45 E AC72

Una compilation di cuffie delle America’s Cup World Series del 2013, tra AC45 e AC72.

EXTREME 40

Una compilation di scuffie, alberi rotti e collisioni alle Extreme Sailing Series di Qingdao nel 2011.

PRINCE DE BRETAGNE – ULTIME 80

Questo è il video del salvataggio e del raddrizzamento di Prince de Bretagne al largo del Brasile nel 2014, con a bordo Lionel Lemonchois che stava cercando di battere il record di Francis Joyon di circumnavigazione del globo in solitario.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

uomo a mare

VIDEO Uomo a mare recuperato in 28 secondi netti. Applausi!

Questo video, apparso sulla pagina Facebook di Drone Project, mostra una manovra di recupero dell’uomo a mare eseguita alla perfezione. Fidatevi, non era facile. Considerando anche la flotta di barche in velocità e a distanza ravvicinata. Siamo alla prima tappa

Registrati



Accedi