ESCLUSIVA Grand Soleil. Doppio Colpo Grosso

Negli anni Settanta il Cantiere del Pardo ha lanciato uno scafo destinato a diventare un pezzo di storia della vela: il Grand Soleil 34. Un’imbarcazione importante per la nautica italiana, che andava ad anticipare tante tendenze che sarebbero diventate poi capisaldi della cantieristica francese di serie. Per quegli anni infatti il GS 34, disegnato da Jean Marie Finot, era una barca caratterizzata da volumi pazzeschi per allora e destinata a diventare un’icona dello yachting. Il Grand Soleil 34 ha segnato un’epoca, perché è stato un po’ “la francese prima delle francesi”. Volendo fare un parallelismo con il mondo automobilistico, potremmo dire che il GS 34 sta al Cantiere del Pardo come la 500 sta alla Fiat. Quello che è successo con il rilancio della 500 sta per succedere con il nuovo Grand Soleil 34 che toccherà l’acqua il prossimo giugno. Nato da un progetto a cui hanno collaborato lo studio di progettazione Skyron Srl e il Cantiere del Pardo, questa imbarcazione, è orientata anche ai campi di regata e sarà ottimizzata per vincere in IRC. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche della barca, che pur mantenendo il family feeling del cantiere grazie a un attento lavoro di modellazione avrà caratteristiche decisamente diverse, le informazioni sono ancora top secret. Tuttavia dal disegno è possibile farsi già un’idea di quanto vedremo in acqua: doppia pala, timone a barra, spigolo avviato nelle sezioni poppiere, sei winch e linee decisamente accattivanti e “up to date”. Non terminano qui però le novità per quanto riguarda le barche più corsaiole del cantiere, perché in programma c’è anche il lancio di un nuovo 48 piedi Performance, che andrà ad ampliare la linea già ricca di sei modelli dal 39 all’ultimo Grand Soleil 58 già venduto in una quindicina di esemplari a pochi mesi dal suo esordio, passando per il 43, il 47 (che andrà quindi rimpiazzato), il 50 e il 54.

MA NON FINISCE QUI, COSA BOLLE ANCORA IN PENTOLA?
Un ultimo anno di grandi successi per Grand Soleil, con la conferma della nuova gamma Long Cruise: più di quaranta LC 46 venduti (questo modello è già una nuova icona del cantiere) e una decina di nuovissimi LC 52 (quest’ultimo modello presenta una carena più potente di quella del 46 e un piano velico più importante) ancora prima che la barca, che verrà presentata al Salone di Cannes a settembre, abbia toccato l’acqua. La linea Long Cruise ha avuto il merito di allargare la forbice del cantiere, andando a prendere anche quegli armatori amanti delle lunghe navigazioni avvolti dal comfort e spostati nelle loro scelte da elementi come l’autonomia della barca, la capacità dei serbatoi di acqua e gasolio, i metri quadri di cucina.
L’altra grande novità è il lancio di una nuova gamma totalmente Custom che verrà “inaugurata” da un 80 piedi disegnato dalla matita di Giovanni Ceccarelli, ma che ci farà attendere fino a giugno 2018 per vederlo scendere in acqua. Anche di questa ulteriore novità non si sa ancora molto: le specifiche tecniche della barca rimangono ancora chiuse in cantiere, ma dal render qui sotto si nota il baglio massimo importante con una grande zona libera a poppa “disturbata” solo dalla presenza di un winch centrale. Zona manovre e zona dedicata al relax rimangono decisamente separate in pozzetto. La prima è organizzata tutta all’altezza delle doppie ruote: il carrello della randa scorre incassato tra le due ruote senza compromettere l’estetica assolutamente flush deck di questo 24 metri.

QUALITA’ DI SERIE MADE IN ITALY
Il Cantiere del Pardo è un buon esempio di un cantiere che fa della produzione industrializzata di alta qualità il suo punto di forza insieme a un lavoro scrupoloso di modellazione che regala a tutte le barche quel family feeling che distingue fra tanti gli scafi firmati Grand Soleil. Come nel caso del nuovo progetto di 34 piedi che riesce, nella sua diversità, a mantenere riconoscibile il marchio di fabbrica. Da una parte l’utilizzo di stampi industrializzati, dall’altra la grande flessibilità che lascia tanti dettagli alla scelta dell’armatore, creano una filosofia trasversale e di successo per tutte le gamme del cantiere. www.cantieredelpardo.it


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su