La vela allunga la vita: lo dice la scienza!

la-valigia
Che una vacanza in barca a vela renda felici non è una novità. Ma la scienza ha scoperto perché.
Il segreto sta nella vicinanza con l’acqua: lo ha rivelato uno studio scientifico durato dieci anni pubblicato sulla prestigiosa rivista Environmental Psychology e scovato dai nostri amici di Sailsquare. La ricerca ha evidenziato come l’acqua abbia il potere di rilasciare sostanze chimiche collegate alla felicità: nello specifico comedopamina, serotonina e ossitocina. E una vita felice si traduce in una vita più lunga. Possiamo dirlo: la vela allunga la vita.

Ecco, in cinque punti, il perché degli effetti benefici di una crociera:

ECCO PERCHE’ LA VELA ALLUNGA LA VITA
1. Il mare ci rilassa.
Secondo uno studio, per calmarci a livello di subconscio, basta anche solo osservare il mare: guardare immagini di un apaesaggio marittimo, infatti, fa attivare le parti del nostro cervello associate a un atteggiamento positivo, alla stabilità emotiva e al recupero di ricordi positivi.

2. I paesaggi naturali rinvigoriscono la mente stanca.
Nello studio sono stati analizzati il rendimento e la concentrazione di due gruppi di studenti: uno a cui erano state assegnate stanze con vista mare e un altro a cui erano state date stanze su vedute urbane. Il primo gruppo non solo dava risultati più brillanti, ma dimostrava anche una maggiore capacità di attenzione.

3. L’acqua rende felici.
Secondo le risposte inviate durante uno studio con l’applicazione Mappiness (più di un milione di risposte), non solo le persone sono più serene quando stanno all’aria aperta, ma sono più felici del 5,2% quando si trovavano vicino a un corpo d’acqua.

4. L’aria del mare è salutare.
Si tratta di un tipo di aria che è ricca di sali minerali, che il nostro organismo riesce ad assimilare attraverso la respirazione. Gli esperti raccomandano di respirare profondamente l’aria salmastra, approfittando soprattutto dei momenti in cui il mare è mosso e le onde liberano maggiormente le particelle di cloruro di sodio, di magnesio, di iodio e di potassio.

5. Il colore blu porta quiete e sollievo.
Il colore blu, dal punto di vista fisico, rallenta le funzioni vegetative, come il ritmo cardiaco, respiratorio e della pressione sanguigna. Provate a stare in una stanza blu, i battiti cardiaci diminuiscono mentre gli oggetti sembrano più piccoli e leggeri. Dal punto di vista psicologico, rappresenta la quiete, l’appagamento, l’armonia interiore.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

7 commenti su “La vela allunga la vita: lo dice la scienza!”

  1. Sempre saputo, ho una busta con scritto “spese mediche” da cui prendo i soldi per le spese di gestione della mia barca

  2. Pingback: La vela allunga la vita: lo rivelano gli studi scientifici. L'importanza dell'acqua ! - Spazio Movimento

  3. veramente articoli di una levatura intellettuale r nautica incredibile…ma.vi state bevendo il cervello in tazzina? ma che rivista sta diventando questa? o mettete pubblicità o baggianate del genere ..veramente ..non lo so se vi state accorgendo che la gente vuole leggere altro e da voi si aspetta altri argomenti e articoli..prove di barche ( dai 8 ai 15 metri) soluzioni innovative per navigare, esperienze..storie di gente comune che naviga..questo è….quando ritornete a scrivere cose intelligenti..farò volentieri l’abbonamento

  4. E’ la vicinanza all’acqua di mare che rende felici, basterebbe una barchetta a remi o un motoscafo a motore. Certo una vela è più ecologica ed emozionale, ma le cose bisogna spiegarle correttamente altrimenti si fa una cattiva informazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su