VIDEO Le conseguenze catastrofiche di una barca carrellata male

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Schermata 2016-10-17 a 12.27.15
Amici che state per caricare la vostra barca sul carrello, sia per tirarla in secco in vista dell’inverno che per trasportarla sui campi di regata. Sappiate che la distribuzione dei pesi sul carrello è fondamentale e se sbagliate le conseguenze (per la vostra barca ma in primis per voi) potrebbero essere davvero catastrofiche
. La dimostrazione è in questo video promosso dalla Dun Laoghaire Marine di Dublino (Irlanda), che illustra cosa potrebbe accadere se i pesi non sono distribuiti correttamente.

GLI EFFETTI CATASROFICI DI UNA BARCA CARRELLATA MALE

LA NORMATIVA VIGENTE
(da www.centrovela.com) Per calcolare il peso (massa) trasportato sul carrello bisogna considerare il peso (massa) dell’imbarcazione con tutto ciò che contiene (albero, vele, motore, benzina, ecc.) + eventuali rulli o invaso, che NON sono considerati nel peso (massa) a vuoto del carrello. Il tutto, barca + accessori + carrello può eccedere il peso massimo consentito dal carrello stradale fino al 5%, arrotondato ai 100 kg superiori, senza incorrere in sanzioni. Non sono invece ammesse tolleranze riguardo il tipo di patente necessario, la capacità di traino (massa rimorchiabile) dell’autovettura e le regole generali di ingombro e massa.

Una barca che eccede la larghezza massima consentita (mt. 2,55) può essere trainata se, messa leggermente di taglio su un carrello con un invaso basculante, rientra nella misura. Questo, di solito si fa su barche a vela (che sono dotata di chiglia e alte sull’invaso). Per trasportare un gommone si possono sgonfiare i tubolari laterali e ripiegarli all’interno. Per il traino di una barca a vela, si può fare sporgere l’albero posteriormente fino a 1/3 della lunghezza del carrello (ricordarsi di appendere il relativo cartello). Nulla può invece sporgere oltre l’”occhione” (gancio) del carrello. Il tutto deve rientrare nei 12 metri.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi