Dormi sogni tranquilli in rada: i consigli per un buon ancoraggio

L’ancora è la guardia delle nostre barche, colei che in crociera ci farà dormire sogni tranquilli, una fedele alleata di chiunque vada per mare. Per consentire a questo prezioso strumento di lavorare al meglio, vanno però seguite alcune norme di buon senso e una serie di operazioni tecniche al fine di mettere l’ancora in condizioni di lavorare correttamente. Possiamo infatti parlare di una vera e propria tecnica di ancoraggio, con procedure e valutazioni precise, che ci consentirà di dare fondo con efficacia e mantenere la posizione prescelta a lungo. Prima di ciò occorre scegliere l’ancora più adatta alle nostre esigenze e alle caratteristiche della barca su cui andrà a lavorare, dotarla di una certa quantità di catena, e ricordarsi di tenerne sempre una di rispetto a bordo in caso di perdita dell’ancora principale o di forte maltempo. Detto ciò andiamo a vedere nello specifico che caratteristiche deve avere la nostra ancora e soprattutto come farla rendere al meglio con una corretta tecnica di ancoraggio.

QUANTO DEVE PESARE UN’ANCORA

Il peso dell’ancora varia in base al tipo d’imbarcazione sulla quale viene impiegata e in particolare in relazione alla lunghezza e al dislocamento della stessa. La prima ancora, per ragioni di sicurezza, dovrebbe pesare…

SCOPRI DI PIU’ (E COSA TROVI SUL MERCATO)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Dormi sogni tranquilli in rada: i consigli per un buon ancoraggio”

  1. Pingback: Dormi sogni tranquilli in rada: i consigli per un buon ancoraggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su