Un salvavita chiamato EPIRB: tutto quello che c'è da sapere (e come sceglierlo)

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

In caso di emergenza, l’Epirb è l’unico strumento salvavita in grado di segnalare con precisione la posizione della barca in difficoltà, allertando i soccorsi. Non per niente, è obbligatorio a bordo per le navigazioni oltre le cinquanta miglia.

A COSA SERVE
Epirb è l’acronimo di Emergency Position Indicating Radio Beacon; si tratta di una particolare radio che ha lo scopo di mettere in comunicazione chi si trova in una situazione di pericolo in mare e una stazione a terra. Gli Epirb esistono già da decenni, ma per molto tempo sono stati utilizzati soltanto in campo aeronautico e, in un secondo momento, dalla marina mercantile. Recentemente, sono stati introdotti sul mercato alcuni modelli per la nautica da diporto.

COME FUNZIONA
Il segnale di un Epirb, lanciato sulle frequenze radio 406 o 121,5 MHz, inizialmente è captato dai satelliti o dagli aerei, poi rimbalza alle stazioni LUT (Local User Terminal) dislocate in tutto il mondo, che lo memorizzano e lo codificano; in seguito è trasmesso ai centri MCC (Mission Control Center) e, infine, viene inviato ai centri RCC (Rescue Control Center) che si occupano di mobilitare e coordinare i mezzi di soccorso. In territorio italiano, la Stazione LUT del sistema satellitare è situata a Bari Palese…

LEGGI DI PIU’ E SCOPRI I MIGLIORI MODELLI


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Un salvavita chiamato EPIRB: tutto quello che c'è da sapere (e come sceglierlo)”

  1. La foto che avete pubblicato trae in inganno perche’ sul giubbotto gonfiabile la persona ha un AISMOB non un EPIRB infatti un EPIRB o un Personal Locator Beacon PLB non sono adatti in caso di uomo a mare. In questi casi ci vogliono sistemi che dialogano con la tua barca. EPIRB o PLB non lo fanno.
    Umberto Verma
    SAFETY WORLD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su