developed and seo specialist Franco Danese

Ma 'ndo vai, se l'avvolgifiocco non ce l'hai (semplificati la vita in crociera!)

25 anni di campioni della vela: una grande Hall of Fame
23 marzo 2017
VIDEO. Caprerini di ieri e di oggi, pronti alle lacrime? Guardate in 50 anni come siete cambiati!
23 marzo 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

avvolgifiocco
L’avvolgifiocco
 a prua consente di  ridurre con continuità la superficie della vela semplicemente “terzarolandola” lungo l’inferitura, senza muoversi dal pozzetto. La vela è inferita lungo un apposito strallo cavo, un estruso che oggi viene realizzato in due materiali, alluminio (il più diffuso ma anche il più pesante). L’estruso è la canaletta dove viene infilata l’inferitura della vela, capace di ruotare con continuità attorno ad uno strallo. Due tamburi applicati allo strallo, uno vicino al punto di mura e uno in testa d’albero, consentono ad esso di ruotare su sé stesso.

COME FUNZIONA
Ogni tamburo ha una parte fissa, solidale con la barca, e un settore in grado di ruotare con continuità. La rotazione se prima avveniva su cuscinetti oggi è quasi sempre su sfere; controllate il numero di guide (ordini): più sono, migliore è il rendimento…

LEGGI DI PIU’ E SCOPRI LA NOSTRA SELEZIONE DI AVVOLGIFIOCCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi