developed and seo specialist Franco Danese

Tre italiane e una francese: quattro barche usate per non dire mai di no al vento

Velisti vi odio! Atto secondo (con tirata d'orecchie finale)
21 marzo 2017
spettacolo
FOTOGALLERY St. Barth’s Bucket Regatta, guardare (per fortuna) non costa nulla
21 marzo 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Se state cercando una barca non più giovanissima, ma che possa coniugare il piacere di una crociera comoda con quello delle prestazioni a vela, e perché neanche in regata, un giro su topboatmarket.com potrebbe darvi qualche dritta giusta a proposito di barche usate. Tra le schede di valutazione e le barche in vendita abbiamo infatti scovato quattro modelli con caratteristiche interessanti: barche dal grande successo, belle esteticamente, con un giusto compromesso tra abitabilità interna e caratteristiche veliche.

Comet 38s

Il progetto del 38 piedi di Comar porta la firma di Vallicelli. Pensato anche per regate, si caratterizza per le linee magre e performanti del suo scafo, dotato di appendici ad alto rapporto di allungamento. Il piano di coperta è comodo e funzionale in crociera, così come in regata grazie alla presenza di sei winch, il sistema di scotta di randa alla tedesca con passaggio sotto al piano del ponte. Tre le versioni degli interni. Ancora oggi è una barca vincente, il Comet 38s Scricca di Leonardo Servi è stato infatti uno dei grandi protagonisti della stagione di regate offshore nel 2016. GUARDA QUI LE QUOTAZIONI DEL COMET 38S 

Este 39

Cruiser-racer dello studio Vallicelli di linea molto accattivante, caratterizzata da bordi bassi, specchio di poppa quasi verticale e un corto sviluppo della tuga. Forse è il meno comodo e il più sportivo della nostra selezione di barche usate, ma è comunque pienamente nel target performance-cruise, adatto a velisti sportivi che vogliono navigare bene anche nelle ariette. I 2,40 m di pescaggio garantiscono buon raddrizzamento e ottime performance in bolina. Dotato di un rapporto “peso- potenza” spinto (101,5 mq per 6500 kg), dispone comunque di un piano velico armato in testa che ne semplifica la regolazione. In coperta un grande pozzetto con ruota e ricca attrezzatura. Gli interni risentono dei pochi volumi della carena e prevedono due cabine doppie a poppa, carteggio di fronte alla cucina, dinette a panche contrapposte, toilette e armatoriale a prua. CERCA QUI LE VALUTAZIONI DELL’ESTE 39

Grand Soleil 40

Progettato da Massimo Paperini, in quel periodo uno dei designer vincenti nel mondo delle regate, il Grand Soleil 40 (GUARDA QUI I GS 40 IN VENDITA) ottenne un buon successo e venne prodotto anche in versi0ni più corsaiole con maggiore superficie velica e un bulbo con pescaggio di 2,40 metri invece di 2,15. Le prestazioni a vela tra i modelli con piano velico più potente con pescaggio profondo e quelli più “cruise” sono radicalmente differenti, nella scelta occorre valutare questo fattore. Gli interni erano proposti con versioni a due o tre cabine. Finiture e materiali sono classici, di buona fattura. GUARDA QUI LE QUOTAZIONI DEL GS 40

Sun Fast 37

Le linee d’acqua, disegnate da Jaques Fauroux, sono le medesime del modello da crociera pura Sun Odyssey 37, ma per il resto cambia tutto. Maggiore superficie velica, attrezzature di coperta maggiorate, un bulbo più pesante e profondo, un timone più grande e una linea più filante e aggressiva. Il risultato è una barca fresca e scattante, ben equilibrata e senza estremismi, versatile ed adatta ad un utilizzo ampio su vari fronti. Le prestazioni sono di rispetto con ottime capacità boliniere. Gli interni avevano due versioni, a due o tre cabine con un solo bagno, cucina a L e carteggio avanzato. GUARDA QUI LE QUOTAZIONE DEL SUN FAST 37

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi