Barche dal pedigree importante (cinque usati che sono un investimento sicuro)

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

barcheFacendo un giro su Top Boat Market, tra gli annunci pubblicati dal broker Aba Yachting, abbiamo scovato cinque barche usate mitiche: alcune di loro sono vendute a prezzi davvero interessanti, altre rappresentano un investimento sicuro visto il loro pedigree.

barcheUN CLASSICO ALL’ITALIANA
Partiamo con un Grand Solei 43 del 2000 (progetto J&J datato 1998), che fa della marinità e dell’affidabilità in crociera (senza inficiare la velocità) i suoi punti cardine. Questo modello è fresco di tagliando motore, mentre randa e genoa in Mylar risalgono al 2015 (oltre al normale gioco in dacron). Le linee sono classiche, il layout interno prevede un’ampia cabina armatoriale servita da un bagno ben distribuito con zona doccia schermabile da una doppia pannellatura di plexiglass e dotata di un funzionale carabottino di teak. La cucina, sulla murata di sinistra, è a sviluppo lineare, mentre dinette e tavolo da carteggio sono a dritta. Completano la configurazione due cabine di doppia servite da un bagno collocato a sinistra. Il prezzo è di 105.000 euro Lungh. 12,98 m; largh. 4,10; disl. 8,5 t; pesc. 2,10 m. SCOPRI DI PIU’

barcheUNA BARCA-CASA NON IMMATRICOLATA
Anche se questa barca è di dimensioni ridotte, potrà diventare la vostra casa. L’Hallberg-Rassy 31 Scandinavia del 1997 che vi proponiamo è accessoriato nei mini dettagli (riscaldatori, pannelli solari) ed è una barca ideale se volete navigare a lungo e comodamente: viene venduta a un prezzo di 78.000 euro. Lo stile di German Frers si nota, soprattutto nelle linee d’acqua e nel piano velico a 7/8 molto allungato, che garantisce elevate prestazioni in ogni condizione. La linea della tuga e l’ampio parabrezza finestrato, a protezione del pozzetto, sono caratteristici di tutti i modelli H.R. Così come il dislocamento medio-alto e la qualità proverbiale della lavorazione della vetroresina e della falegnameria. Gli interni sono previsti con due cabine matrimoniali, una a poppa e l’altra a prua, dinette con tavolo abbattibile, cucina sulla destra contrapposta a una zona carteggio e locale toilette. Lungh. 9,62 m; largh. 3,30 m; disl. 4,5 y; pesc. 1,71 m. SCOPRI DI PIU’ 

barcheUN CENTURION 47 A UN PREZZO SPECIALE
Non ci stiamo sbagliando: questo splendido esemplare di Wauquiez 47 Centurion costa 59.000 euro. La barca è del 1985 ma è stata rimotorizzata nel 2010 ed è dotata di tutte le attrezzature. Il cantiere francese Wauquiez scelse una carena famosa per il Centurion 47, quella dello yacht Victory, vincitore dell’Admiral’s Cup 1981, disegnata da Ed Dubois. Barca splendida, costruita in modo impeccabile in 90 esemplari. Nel 1984, anno del primo varo, si chiamava Centurion 47. Nel ’91 con pochi ritocchi, venne ribattezzato 49 e l’ultimo esemplare toccò l’acqua nel 1997. Veniva proposto anche in una versione Regata, con ben 30 mq di tela in più. In entrambe le versioni in bolina aveva pochi rivali, con ogni condizione di vento. In coperta una miriade di winch, ben tredici, uno per ogni manovra, disposti sia a piede dell’albero che in pozzetto. Sottocoperta troneggia una dinette a U opposta ad una cucina di dimensioni ragguardevoli. Veniva proposta in versioni a due, tre, quattro cabine e due bagni. Lungh. 14,50 m; largh. 4,35 m; disl. 16 t; pesc. 2,97 m. SCOPRI DI PIU’ 

barchePER GLI AMANTI DELLA CROCIERA
Questo Dufour 41 Classic del 1998, in condizioni molto buone e con pochissime ore motore (completo di moltissimi accessori e randa avvolgibile) è venduto a un prezzo di 55.000 euro. Il 41 piedi progettato dallo studio J & J Design per il cantiere francese è una delle barche più indicate per la crociera veloce e comoda. L’impostazione delle linee è abbastanza classica, con discreti slanci sia a prua sia a poppa. Il piano di coperta presenta una lunga e bassa tuga dalle forme arrotondate sulle quali corrono le manovre rinviate in pozzetto. Il piano velico in testa d’albero è all?insegna della semplicità e prevede una randa con lazy jack e genoa avvolgibile. Il trasto è sulla tuga e lo specchio di poppa è attrezzato con gradini. Negli interni, a poppa due cabine doppie gemelle e un bagno. In quadrato è previsto il carteggio, la zona pranzo e la cucina con i piani lungo la murata. A prua la terza matrimoniale con toilette. Lungh. 11,95 m; largh. 3,98 m; pesc. 2,00 m. SCOPRI DI PIU’ 

barcheLA “CHICCA”: IL CAPOLAVORO DI SCIARRELLI
Chiudiamo con una vera e propria “chicca”. Il prezzo non è dei più economici (230.000 euro) ma si tratta di un ottimo investimento perché queste barche son ben lungi dallo svalutarsi. Lo Sciarrelli Isabella 133 è uno Yacht classico originale, progettato da Carlo Sciarrelli e realizzato dal Cantiere Alto Adriatico. La barca è potente, veloce e grazie all’armo a Yawl è molto equilibrata e adatta a navigare con i venti più impegnativi. La costruzione leggera (9000 Kg) e le stupende linee d’acqua la rendono competitiva anche al confronto con barche di nuova concezione. Bilanciata nei pesi e ottimizzata per esprimersi al meglio propone degli interni di gran charme e particolarmente curati. La chiglia è in iroko, le ordinate in lamellare di acacia, mentre lo scafo è in lamellare composto da tre strati di legno: due di mogano (interno longitudinale, quello centrale diagonale a 45°) da 8 mm e uno esterno in teak (longitudinale da 12 mm). Coperta e pozzetto in teak. Gli alberi in legno sono due vere opere d’arte. Considerata da Sciarrelli una delle sue 10 barche più riuscite. Si presenta in condizioni perfette. Lungh. 14,00 m; largh. 3,45 m; disl. 9,5 t; pesc. 2,20 m. SCOPRI DI PIU’

SCOPRI TUTTE LE OCCASIONI DI TOP BOAT MARKET


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su