DECAPITATO Lo skipper tedesco rapito alle Filippine è stato ucciso dai pirati jihadisti


E’ finita nel peggiore dei modi la vicenda di Jurgen Kantner, skipper tedesco di 71 anni rapito lo scorso novembre dai pirati del gruppo terroristico affiliato all’ISIS Abu Sayyaf nei pressi dell’isola di Laparan (Filippine): è stato decapitato
(lo conferma un video diffuso in rete dal gruppo jihadista). Lo scorso 14 di febbraio in un altro raccapricciante video Kantner annunciava che se il suo governo non avesse sborsato l’equivalente di 600.000 dollari entro il 26 febbraio, i terroristi gli avrebbero tagliato la testa e così è stato. Il velista era stato rapito in rada mentre era bordo del suo 15 metri in acciaio, il “The Rockall”: con lui c’era anche la moglie Sabine Merz, freddata da un colpo di arma da fuoco mentre cercava di respingere i pirati a colpi di fucile.

TERRORISTI SENZA PIETA’
Fra aprile e giugno del 2016 Abu Sayyaf ha decapitato i canadesi John Ridsdel e Robert Hall, dopo che erano saltati i negoziati per la loro liberazione. Attualmente, secondo le autorità di Manila, il gruppo ha in mano 20 ostaggi: sette malesi, sei vietnamiti, quattro filippini, due indonesiani e un olandese.

Jurgen Kantner nel video postato su Telegram dai pirati

RAPITO GIA’ UNA VOLTA
Non si trattava della prima volta per l’anziano tedesco: già nel 2008, era stato preso in ostaggio al largo dello Yemen dai pirati somali assieme la moglie, ma in quell’occasione, dopo 52 giorni di prigionia, il governo tedesco aveva sborsato quasi mezzo milione di dollari per liberarli. Le autorità tedesche avevano sconsigliato ai Kantner di ritornare a prendere la barca, ma a distanza di quasi otto anni i due caparbi coniugi erano andati a recuperarla in Somalia, dirigendosi poi alle Filippine. “Cosa ci sto a fare in Germania”, aveva detto Kantner in un’intervista, “dopo 32 anni passati sulla mia barca non ho più nessuno là”. Aveva anche aggiunto di sapere a cosa stava andando incontro: “Lo so che è quasi un suicidio“, e aveva aggiunto che avrebbe pregato affinché i pirati non lo abbordassero di nuovo.

Kantner con la moglie Sabine Merz

INCURANTE DEL PERICOLO
Per comprendere meglio la filosofia di Kantner, bisogna scorrere una lunga intervista realizzata dallo skipper e sua moglie con la rivista tedesca Yacht.de dopo il loro rilascio nel 2008. I due navigavano al largo dello Yemen incuranti del pericolo pirateria, e avevano respinto i consigli di coloro che gli avevano detto che quelle non erano acque sicure, citando casi di imbarcazioni assalite anche in aree più tranquille come le isole Canarie e la Corsica.

(fonti immagini bild.de, philstar.com)


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “DECAPITATO Lo skipper tedesco rapito alle Filippine è stato ucciso dai pirati jihadisti”

  1. Pingback: Peter Blake, la vita al massimo di un marinaio “immortale” - MaRed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Polizia Slovena

Se hai un natante… SLOVENIA PROIBITA

Se teoricamente sarebbe possibile andare Slovenia senza superare il limite delle 12 miglia dalla costa, limite massimo a cui possono spingersi i natanti italiani (con patente nautica), la normativa slovena richiede che tutte le imbarcazioni oltre i 3 metri siano

2 euro croati

Crociera in Croazia 2023, cosa cambia con Schengen

Dal 1° gennaio la Croazia, già paese membro dell’Unione Europea, è entrata ufficialmente a far parte dello spazio Schengen e ha adottato l’euro. Abbiamo chiesto all’Ente Nazionale Croato per il Turismo, cosa cambia per i diportisti italiani che vogliono visitare

Torna su