Impianto elettrico di bordo: la checklist in 10 punti

USCG-Rescues-Man-from-Burning-SailboatChi di voi si vorrebbe mai trovare nella situazione illustrata dalla foto qui sopra? Nessuno, è ovvio. Spesso gli incendi a bordo sono causati da avarie dell’impianto elettrico di bordo. Se doveste effettuare una verifica completa del sistema elettrico di bordo, sapreste che cosa e quali punti andare a controllare in modo da evitare potenziali danni e problemi? Proprio come fanno gli americani, ecco una check-list in 10 punti che potrà aiutarvi:

riglectrics_0LA CHECK-LIST DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI BORDO
1. Batterie. Verificate che siano montate correttamente e in sicurezza, in modo che non si possano muovere anche con mare formato, e che siano dotate di protezione da sovraccarico adeguata e di galletti per fissare i i cavi ai poli in buono stato. Assicuratevi di averle installate in uno spazio dedicato, in un punto dove non si andrebbero a creare danni qualora si verificassero perdite di elettrolito: l’ideale sarebbe che fosse ben ventilato. La capacità nominale della batteria è sufficiente per il compito che dovrà svolgere (avviamento, servizi…)

2. Supporto del cavo da collegare alla 220 in banchina. Controllatene sempre lo stato e se necessario applicate lungo il cavo delle protezioni dallo sfregamento.

3. Isolamento del cavo. Controllate periodicamente che non ci siano punti scoperti

4. Posizione dei fili elettrici. Tutti i cavi sono assicurati in modo tale che non possano mai sconnettersi inavvertitamente?

5. Qualità dei connettori crimpati. Verificate sempre lo stato dei connettori crimpati (per i profani: l’operazione di crimpatura consiste nel connettere fisicamente ed elettricamente, mediante l’utilizzo di un attrezzo chiamato crimpatrice, un cavo elettrico a un’opportuna terminazione o connettore).

6. Ubicazione dei componenti elettrici termo o idrosensibili. Sono montati in un luogo ventilato e che rimarrà secco durante la navigazione?

7. Connessioni per la corrente alternata. I collegamenti elettrici AC si trovano all’interno di contenitori che richiedono l’uso di strumenti per accedere?

8. Etichettatura dei cavi. L’insieme dei cablaggi di bordo è etichettato in modo chiaro, in maniera tale da individuare facilmente i vari circuiti?

9. Illuminazione a bordo. Crea per caso troppo calore? Questo calore potrebbe danneggiare eventuali punti nelle aree circostanti?

10. Interruttori AC. Controllate che siano montati in contenitori adeguati.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su