Maserati vs Phaedo 3: l'eterna sfida dei bolidi superveloci si rinnova alla RORC Caribbean 600

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Ancora una volta è Maserati di Giovanni Soldini contro Phaedo 3 di Lloyd Thornburg: la sfida tra i due Multi 70 si rinnova e questa volta il “teatro” della contesa sarà la Rorc Caribbean 600 Race, una delle classiche della vela oceanica. La rotta della regata, che parte ed arriva ad Antigua, si snoda lungo 11 isole caraibiche, raggiungendo Saint Martin a nord e scendendo a sud fino alla piccola isola di Les Saintes di fronte a Guadalupa. Oltre ai due trimarani, in regata ci sono le classi a rating IRC tra cui figurano alcuni dei più rinomati maxi della scena internazionale.

Per Maserati è il terzo appuntamento agonistico ufficiale, dopo la Rolex Middle Sea Race e la RORC Transatlantic Race. In entrambe le precedenti regate l’avversario principale di Maserati, e dell’equipaggio guidato da Giovanni Soldini, è stata la “gemella” Phaedo 3 di Lloyd Thornburg. Alla Middle solo un clamoroso errore di navigazione del trimarano americano consentì a Giovanni Soldini di coquistare la vittoria, mentre Phaedo 3 si impose nettamente in occasione della RORC Transatlantic Race. Il duello quindi si rinnova e l’obiettivo di Maserati è di ridurre il gap fisiologico, dovuto all’esordio e alle fasi di sviluppo della nuova barca, e provare a conquistare la regata in tempo reale.

Il differente asseto tra Maserati e Phaedo 3

Il differente assetto tra Maserati, sui foil, e phaedo 3Photo Credit: Rachel Fallon-Langdon / Team Phaedo

C’è un particolare importante da sottolineare a proposito del differente assetto tra i due trimarani: come si può vedere nelle foto a fianco, Maserati monta foil a L, Phaedo 3 delle derive tradizionali. Sulla carta un vantaggio per le performance dell’equipaggio di Giovanni Soldini, ma in realtà il vento leggero che ha caratterizzato la la regata ha finito per favorire Phaedo 3. I foil infatti, per mostrare la loro massima efficacia hanno bisogno almeno di un’intensità media del vento, sotto la quale non danno benefici o possono anzi penalizzare.

In partenza, con brezza tesa sopra i 15 nodi, Maserati era riuscita ad allungare. Nel video che vi proponiamo, dove si sentono in pozzetto le indicazioni dell’olimpionico Vittorio Bissaro, si nota chiaramente il sorpasso di Maserati.

I due trimarani guidano la flotta e, mentre si apprestano a doppiare Guadalupa, lottano spalla a spalla: i due regatano a strettissimo contatto e costantemente a vista. Circa 20 miglia più indietro il duo di testa, la flotta dei monoscafi è saldamente guidata in tempo reale da Rambler 100, mentre in tempo compensato in questo momento sembra molto ben piazzatto il JV72 Bella Mente

SEGUI IL TRACKING

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi