DEHLER 34: una barca dalla doppia anima

Sono passati trent’anni dal lancio del primo Dehler 34, il cantiere tedesco ne celebra il trentennale con il lancio della nuova versione disegnata da Judel&Vrolijk , che fa seguito a quella prodotta dal 2002 al 2009.

CARBONIO E PRESTAZIONI
Karl Dehler, capo sviluppatore di Dehler, spiega il concept che sta dietro alla barca: “Il nuovo Dehler 34 è un performance cruiser di lusso, che abbina prestazioni da racer ad una spaziosità,tipica di un cruiser. è questo che caratterizza da sempre i Dehler. Ma c’è qualcosa di nuovo. La struttura “Carbon Cage”, una gabbia di irrigidimento in carbonio, rende lo scafo, costruito in sandwich di vinilestere, estremamente rigido e più resistente alla torsione rispetto alle costruzioni tradizionali. Ne guadagnano le prestazioni, che sono notevoli. Durante la nostra uscita in mare abbiamo apprezzato la sensibilità al timone e la stabilità di rotta, anche se bisogna avere l’accortezza di regolare le vele con precisione per non far sbandare troppo la barca. Il nuovo 34 ha infatti una ridotta larghezza al galleggiamento che aumenta le prestazioni, ma riduce la resistenza allo sbandamento. Con la chiglia standard di 1,95 m di profondità abbiamo, sui 18/20 nodi in bolina abbiamo preso una mano di terzaroli, lasciando pieno il piccolo fiocco al 105%.


UNA BARCA, TRE CHIGLIE
Gli interni prevedono due grandi cabine e un bagno dotato della “Uni Door” (marchio di fabbrica Dehler), ovvero una porta che separa tre spazi, assicurando così il massimo della privacy con un minimo ingombro. Il salone ha due divani longitudinali con un buono spazio di stivaggio, un’ampia cucina a L e un tavolo da carteggio. A prua, l’armatore può scegliere tra due varianti di layout. Di serie, il Dehler 34 dispone di un’attrezzatura in alluminio con superficie velica (randa e fiocco) di 65 mq. In aggiunta, si può optare per un albero maggiorato in alluminio o carbonio. Sono disponibili inoltre tre varianti di chiglia: una a T da regata con un pescaggio di 2,10 m e due chiglie a L con 1,95 m e 1,55 m di pescaggio. La barca si governa con una barra o, in alternativa, con un doppio timone a ruota. Di serie è montato un Volvo Penta da diciotto cavalli. A tutto ciò si aggiungono una serie di optional, come ad esempio la piattaforma bagno e il bompresso fisso.

I NUMERI DEL DEHLER 34
Lungh. fuori tutto: m 10,70
Lungh. scafo: m 10,30
Lungh. al gallegg: 9,60 m
Largh. massima: 3,60 m
Pescaggio: 1,95/2,10 m
Disloc: 5900 kg
Zavorra: 2100 kg
Cabine: 2 doppie + 1 bagno
Acqua: 230 lt
Carburante: 160 lt
Motore: Volvo D1-18 cv
Sup. randa: 37,50 mq
Sup. fiocco: 27,50 mq
Sup gennaker: 90 mq
Sup. Spinnaker: 77 mq
Progetto: Judel/Vrolijk
Prezzo: 124.950 + IVA
www.nautigamma.it


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su