USATO Tre classici senza tempo firmati Sangermani

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Ci sono barche senza tempo, la cui bellezza non ha una data di scadenza e quando le ammiri ormeggiate in banchina o mentre navigano ti tolgono il fiato. Tra questi classici evergreen possiamo senza dubbio annoverare i Sangermani, vere regine tra le barche classiche. Si tratta di veri e propri gioielli che, se sono stati correttamente manutenuti durante la loro vita, conservano un valore di mercato importante e sono piuttosto ricercate dagli appassionati. Abbiamo selezionato tre differenti modelli Sangermani in vendita, con età e caratteristiche diverse su Topboatmarket.com.

Tre Sangermani, un unico amore

Terza Santa Maria
E’ il primo dei gioielli Sangermani che vi presentiamo. La Terza Santa Maria fu varata nel 1973 dal prestigioso Cantiere Sangermani a Lavagna ,realizzata su disegno di Cesare Sangermani. Il suo nome originale era Noa Noa V ; numero di costruzione 184. Terza Santa Maria è una goletta ad alberi pari con armo frazionato ( Staysail Schooner). La barca è costruita in fasciame di mogano incollato avvitato ad ordinate di quercia con viti in bronzo. Ponte e sovrastrutture in teak, interni in ciliegio. SCOPRI DI PIU’

Sangermani 60 Yawl
Barca varata nel 1964 con coperta e pozzetto in teak. Rispetto alla Terza Santa Maria questo Yawl ha una tuga molto più pronunciata che però non compromette affatto l’estetica slanciata caratterizzata dal ponte che risale leggermente verso prua. Gli interni in mogano sono per veri intenditori. Si tratta di uno di quei Sangermani che tiene benissimo il prezzo se, come in questo caso, si tratta di imbarcazioni curate e ben tenute complessivamente. SCOPRI DI PIU’

Sangermani Sloop 12
Raffinato ed elegante costruito nel 1972 dal prestigioso e storico cantiere navale Sangermani di Lavagna,  veloce sotto vela e confortevole per la crociera. La coperta, la tuga e il pozzetto sono realizzati in teak, che esalta il colore blu dello scafo. Una delle particolarità estetiche di questo modello è la tuga praticamente flush deck che, se riduce l’altezza in cabina, contribuisce però a dare un look filante a questo sloop. SCOPRI DI PIU’


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

In America piacciono anche le barche fuori dal coro

In America e in Europa non sempre la pensiamo uguale in fatto di barche. La dimostrazione dai candidati agli “Oscar” USA delle barche a vela del 2023. Le riviste di settore americane Cruising World e Sailing World hanno annunciato all’Annapolis

Presentazione Capsule AW 2023 Slam

Slam presenta i capi della nuova collezione Autunno-Inverno 2023

I nuovi capi della collezione Slam Autunno-Inverno 2023 sono stati presentati con un grande evento a Milano presieduto dall’Amministratore Delegato del marchio Enrico Chieffi. Entrano a far parte della collezione diversi capi di maglieria, tricot e adatti ad affrontare la

Torna su