Marco Nannini: dall’alta finanza alle avventure oceaniche

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Nel 2012 il Velista dell’Anno fu assegnato a Marco Nannini, torinese, classe 1978: fu premiato “in contumacia”, in quanto all’epoca stava partecipando alla Global Ocean Race (giro del mondo a tappe in doppio): tra i suoi risultati di spicco sicuramente la vittoria della mitica Ostar (traversata atlantica da Plymouth a Newport in solitario) a bordo di un Sigma 36.

AVEVAMO SCRITTO DI LUI
Tratto da Il Giornale della Vela marzo 2012. Marco Nannini quattro anni fa si è messo in testa di partecipare a una regata attorno al mondo.Doppiare il capo di Buona Speranza e l’Horn, raggiungere le coste della Nuova Zelanda e del Sud America con una barca a vela: questo era il suo sogno. Non ha mai pensato di aggregarsi a un equipaggio, perché sin dall’inizio ha voluto essere l’unico regista del proprio destino, prendendosi tutto: gioie e sofferenze.

Ora sta partecipando alla Global Ocean Race, indubbiamente uno dei più faticosi giri del mondo, perché pur non disputandosi in solitario, ma con equipaggi di due sole persone, si affronta con i Class 40, barche di appena 12 metri di lunghezza, che poco hanno a che fare con gli ultramoderni 60 piedi (18 metri) dei navigatori solitari o con gli Open 70 (21 metri) della Volvo Ocean Race. Ma, per Marco Nannini, il mezzo con il quale raggiungere il proprio obiettivo non è mai stato un fattore primario.

Nel 2009, a 31 anni, ha disputato (e vinto nella propria classe) la storica Ostar con un Sigma 36; ebbene sì, ha affrontato la famosa transatlantica in solitario, da Plymouth (Inghilterra) a Newport (Stati Uniti), quella dei Chichester, Tabarly, Poupon, Peyron, ma anche di Soldini, Manzoli e Malingri, con una normale barca di serie di nove metri, molto diffusa in Gran Bretagna per le crociere in famiglia. Dopo tutto, è proprio in Inghilterra che Nannini è stato folgorato dalla passione per le navigazioni oceaniche.

Nato e cresciuto a Torino, dopo la laurea in economia si è trasferito definitivamente a Londra per lavorare nella finanza. “Il mio sogno adolescenziale era fare un giro del mondo in barca a vela, ma semplicemente in crociera”, racconta. “In Inghilterra, andare in barca è una delle cose migliori da fare appena hai del tempo libero, così ho iniziato a partecipare a delle regate e poi è stato impossibile smettere”. Nel 2005 ha trovato un bel Sigma 36 usato (del 1984), lo ha un po’ modificato e quattro anni fa era sulla linea di partenza della più famosa regata oceanica. Fino a quel punto, Marco Nannini era riuscito a fare tutto sfruttando ogni giorno di ferie concessogli dal lavoro, ma una volta tornato alla scrivania le pareti dell’ufficio erano troppo strette paragonate all’infinita linea dell’orizzonte che aveva ammirato in oceano. Così, quel sogno che aveva di girare il mondo in barca a vela, si è ripresentato più forte che mai e ha iniziato di nuovo tutto da capo.

Nel 2010 acquista un Class 40 di seconda mano che aveva già regatato nella prima edizione della Global Ocean Race e, in coppia con l’inglese Paul Peggs, partecipa da protagonista alla Round Britain and Ireland Race, classificandosi al secondo posto nonostante rimanga in testa per tre delle cinque tappe totali. Nello stesso anno, entra definitivamente nel circuito della vela oceanica professionistica, prendendo parte alla Route du Rhum, la regata transatlantica in solitario di 3500 miglia dalla Francia a Guadalupa.

A quel punto il progetto di partecipare alla Global Ocean Race non può essere più fermato, nonostante le difficoltà da superare siano infinite. Tra queste, addirittura un disalberamento nelle prime ore di navigazione della regata del Fastnet che, a meno di due mesi dalla partenza del giro del mondo, doveva rappresentare l’ultimo banco di prova. Non solo; Nannini fino all’ultimo cerca senza successo un grande sponsor che possa garantirgli di competere ad armi pari con gli avversari, tra i quali figura Ross Field, il neozelandese che nel 1994 ha vinto la Whitbread con il WOR 60 Yamaha. Ma la voglia di partire vince su tutto e con la barca ribattezzata ironicamente Financial Crisis, lo scorso 25 settembre è sulla linea di partenza con il motto inglese: “Per vincere una regata, bisogna innanzitutto finirla”.

QUI IL LINK ALL’ALBO D’ORO DEL VELISTA DELL’ANNO

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

ALBO D’ORO VELISTA DELL’ANNO

2018 VELISTA DELL’ANNO: DARIO NOSEDA TAG HEUER PERFORMANCE: FRANCESCO LANERA TAG HEUER INNOVATION: GIOVANNI CECCARELLI TAG HEUER #DON’T CRACK UNDER PRESSURE: NICOLO’ RENNA TAG HEUER MOST VOTED: MARIA VITTORIA ARSENI TAG HEUER YOUNG: GUIDO GALLINARO GRAN PREMIO VELAFESTIVAL TRIBUTE: L’EQUIPAGGIO

Torna su

Registrati



Accedi