Le lunghe navigazioni nei gelidi mari inglesi? Roba da… derivisti: la nuova impresa del "pazzo" Ken Fowler

Chi ha detto che le lunghe navigazioni, per altro nei freddi e impegnativi mari inglesi, debbano essere per forza affrontate a bordo di cabinati? Ken Fowler partirà il prossimo 17 maggio da Lands End, nel sudovest dell’Inghilterra, in direzione John o’ Groats una località dell’estremo nord-est della Scozia: più di 900 miglia di navigazione, a bordo di un RS Aero, piccola deriva aperta di 13 piedi.

UNA ROTTA IMPEGNATIVA
La rotta parte dal sudovest dell’Inghilterra, passando poi per il Galles e l’Isola di Man, prima di arrivare alle isole scozzesi e lungo la selvaggia costa della Scozia, con il doppiaggio del Capo Wraith e l’arrivo a John O’Groats. C’è già un record su deriva per questa rotta, ed è di 64 giorni. Ken Fowler proverà a batterlo: non è nuovo a queste imprese, qualche anno fa aveva fatto notizia suo giro dell’Isola di Wight (72 miglia) a bordo di un Laser. E’ stato scelto maggio perché nel Regno Unito è il mese che offre il maggior numero di ore di luce oltre che venti sufficientemente forti per battere il record. Ken spera di impiegarci 23 giorni, veleggiando dalle 8 alle 12 ore al giorno.

RS AERO, LA NOSTRA PROVA
Quando sali a bordo di una deriva, ti diverti. Hai quel contatto diretto con l’acqua e la sensazione impagabile dello scafo che reagisce ai movimenti del corpo. Sono stata sul lago d’Iseo per provare il neonato di  casa RS: l‘Aero. 30 kg di scafo nudo, 48 kg armato. Pesa esattamente 10 kg in meno di me, e questa differenza si sente quando navighi, la barca reagisce ai movimenti quasi come una tavola da windsurf.
2014-09-25 13.46.54Inutile nascondere le intenzioni del cantiere britannico RS: questa deriva si inserisce in un mercato al momento dominato dal Laser. Come sul Laser, tre sono gli armi previsti:  Aero 5, che corrisponde a grandi linee al Laser 4.7; Aero 7 (con il quale sono uscita) che riprende l’armo radial del laser e Aero 9 che come superficie velica è simile al Laser Standard. I tutti e tre i casi la barca viene armata nello stesso modo, tranne che la parte inferiore dell’albero (formato da due pezzi a incastro) che cambia a seconda dell’armo scelto.
2014-09-25 13.55.53

ARMO IN TRE MINUTI E REGOLAZIONI SENZA SFORZI

La prima nota positiva è la velocità con la quale si arma la barca. In tre minuti tutto è pronto per uscire, come potete vedere nel video qui sopra. Altra caratteristica identitaria è la leggerezza che facilita soprattutto la messa in acqua e il trasporto dell’imbarcazione: senza fatica infatti può essere caricata sul tetto della macchina. Lo scafo è costruito in resina epossidica e parti di carbonio, albero, boma, timone e deriva sono in carbonio per ridurre al massimo i pesi.
2014-09-25 16.22.12La randa viene inferita nell’albero attraverso una canalina e issata per mezzo di una drizza, le tre regolazioni fondamentali: vang, cunningham e base sono rimandate a centro scafo, per facilitare le regolazioni al timoniere. Vang e cunningham inoltre sono a circuito chiuso, che gira intorno al bordino dello scafo: soluzione che facilita ulteriormente la vita. Un’altra nota “di stile” è la riduzione al minimo dell’acciaio a bordo, ogni bozzello è fissato tramite loop in dyneema che oltre a non pesare, evitano di rovinare l’attrezzatura.
2014-09-25 16.35.59

IN NAVIGAZIONE LA BARCA REAGISCE COME UNA TAVOLA

La giornata sul lago ci ha regalato delle condizioni perfette per la prova, vento tra gli 8 e i 10 nodi e onda corta. Salendo a bordo ci si rende subito conto di cosa voglia dire uno scafo così leggero che reagisce a ogni minimo spostamento: questo permette di giocare sulle ondine del lago con grande soddisfazione. Di bolina la posizione alle cinghie è ergonomica, la forma dello spigolo addolcita non crea particolare fastidio alle gambe. Sotto raffica, le regolazioni di cunningham, vang e base permettono di smagrire “in diretta” la randa in balumina diminuendo lo sbandamento e riducendo lo sforzo fisico. Il boma alto, inoltre, non crea alcun problema in virata. Ma il vero divertimento arriva di lasco, la minima raffica regala delle accelerazioni notevoli e divertenti con la prua sempre bene fuori dall’acqua, la scotta senza archetto permette di lavorare “in diretta” su raffiche e onde e di non avere problemi in strambata. Ho provato a scuffiare la barca e raddrizzarla non comporta sforzi particolari, grazie alla presenza di murate strutturali.
2014-09-25 15.24.35
Rimango con la curiosità di vedere come l’Aero si comporta con vento teso: con 25 nodi non soffrirà per la sua leggerezza?


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su