developed and seo specialist Franco Danese

Tre giovani amici, una vecchia barca, tre anni in mare in giro per il mondo

Diecimila verdoni di ricompensa se ritrovi questa barca alla deriva. Ecco come intascarli
12 gennaio 2017
Più VELA Cup per tutti: siete pronti?
13 gennaio 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

L’obiettivo era quello di partire a tutti i costi per un giro del mondo in barca a vela. Il mezzo a disposizione un Dufour 35 del 1979, Bonavalette. I protagonisti di questa avventura tre giovani ragazzi svizzeri: David (classe 1989), Michael (1985), Alexander (1985) hanno ereditato questa imbarcazione più “vecchia” di loro e ne hanno fatto la loro casa.

Dal cantiere in Svizzera hanno portato (dicembre 2013) la barca a Rotterdam seguendo il corso del Reno, attraversato l’Atlantico e raggiunto il Pacifico nel settembre 2016 dopo il passaggio a Nord Ovest: attualmente Bonavalette si trova a San Francisco in attesa di ripartire (potete seguire l’avventura sul sito www.bonavalette.ch).

Per affrontare tutto questo sono ovviamente serviti alcuni “lavoretti”: l’equipaggio svizzero, studiando e lavorando, è riuscito a cambiare il motore, riattrezzare la coperta, riverniciare lo scafo, aggiornare l’impianto elettrico e la strumentazione di bordo e sostituire i serbatoi.

DUFOUR 35: LA BARCA GIRAMONDO ATTUALE ANCORA OGGI
La barca protagonista di questo giro è una vera imbarcazione cult, un simbolo del velista viaggiatore. Quando Michael Dufour la disegnò e costruì nel 1972 fu una vera e propria rivoluzione. Voleva una barca che fosse comoda e sicura per andare ovunque: il cantiere francese andò controcorrente proponendo una barca “diversa” per quegli anni, con una poppa per l’epoca generosa e volumi fuori dal comune: sottocoperta ricavò una cucina a L per cucinare anche in navigazione e un quadrato con cinque cuccette che si andavano ad aggiungere ad altre quattro nelle cabine di poppa e prua.

Nove cuccette su una barca di poco più di dieci metri era una vera innovazione che non si esaurì però negli interni: Dufour propose una tuga “corta”, il bordo libero alto e le finestrature a scafo, un pozzetto profondo in grado di riparare da vento e onde. Insomma una barca il cui centro era la marinità e che ebbe un grandissimo successo con cinquecento esemplari venduti. Uno scafo che per tutti questi attributi è ancora oggi molto ricercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi