Due barche da sogno… che non potrete mai permettervi


Sognare non costa nulla, per cui eccovi due barche da sogno che, a meno che non siate dei veri e propri paperoni, non potrete mai permettervi.

ROYAL HUISMAN E L’81 METRI
Per piacere, costruite la barca dei miei sogni. È questo che, in Royal Huisman, si sono sentiti chiedere da un ricco armatore asiatico. La barca dei sogni misurerà la bellezza di 81 metri e, una volta varata, entrerà di diritto nella top ten delle dieci barche a vela più lunghe del mondo. Costruita in alluminio su progetto di Mark Whiteley in collaborazione con Dykstra Naval Architects, avrà un baglio di 12 metri, peserà 1150 tonnellate e potrà ospitare 12 persone più 13 membri d’e quipaggio. L’armamento sarà quello di uno schooner a tre alberi Panamax, che misureranno cioè non più di 62.5 metri di altezza, la massima consentita per attraversare il Canale di Panama. Ancora non si sa se l’armatore userà la barca per fare regate, ma il potenziale vincente pare esserci tutto. Lo yacht dovrebbe essere varato nel corso del 2020.
www.dykstra-na.nl
www.markwhiteleydesign.com
www.royalhuisman.com

FC2, UN FAST CRUISER DI LUSSO
Il cantiere francese JFA ha recentemente annunciato l’inizio della costruzione di un 70 piedi denominato FC2 (che sta per Finot Conq e Fast Cruiser). Lo yacht avrà scafo in alluminio e sovrastruttura in resine epossidiche in infusione, che saranno assemblati tramite incollaggio e imbullonatura, una tecnica che JFA usa ormai da molti anni. Firmata da Finot Conq e con carena larga, piano velico importante e pesi contenuti la barca sarà decisamente performante. Anche il pescaggio di 4 metri e 40 contribuirà ad aumentare le performance, ma potrà essere ridotto a soli due metri in caso di necessità. Gli interni, realizzati con materia- li ultraleggeri, saranno in zebrano e prevedono un grande salone con cucina, una cabina armatoriale a tutto baglio, due cabine ospiti e una riservata all’equipaggio. La barca sarà equipaggiata con un motore da 180 hp e con due bowthruster per facilitare le manovre.
www.jfa-yachts.com
www.finot-conq.com


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Due barche da sogno… che non potrete mai permettervi”

  1. Barclay C. Redway

    Fate i conti in tasca ai vostri lettori?
    Ahahahah
    <>
    (Proiezione freudiana?)

    Tranquilli, è chiaro quale sia il vostro target di lettore “tipo” …

    Come ugualmente molto difficile che un “Paperone” legga …

    :DDD

  2. Barclay C. Redway

    Fate i conti in tasca ai vostri lettori?
    Ahahahah
    “Due barche da sogno… che non potrete mai permettervi”
    (Proiezione freudiana?)

    Tranquilli, è chiaro quale sia il vostro target di lettore “tipo” …

    Come ugualmente molto difficile che un “Paperone” legga “Il giornale della Vela” …
    in termini di “Quantità” di lettori non converrebbe …

    ma la “Qualità”?
    e a chi importa più?

    :DDD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su