VIDEO Adieu Wild Oats, la nuova star della Sydney Hobart è Perpetual Loyal!


Nessun record è imbattibile. E anche quello del 2012 della Sydney Hobart, ad opera di Wild Oats del fu Bob Oatley, è capitolato. Il nuovo re della classica australiana (628 miglia da Sydney, in Australia, a Hobart, in Tasmania) si chiama Anthony Bell, ed è l’armatore di Perpetual Loyal, di cui vi parliamo qua sotto. Il suo tempo di regata (un giorno, 13 ore, 31 minuti e 20 secondi) è di ben 4 ore e 51 minuti inferiore a quello di Wild Oats.

WILD OATS FUORI DAI GIOCHI
A proposito, proprio il 100 piedi della famiglia di Oatley era in testa anche in questa 72esima edizione ma si è dovuto fermare a causa di un problema alla chiglia basculante, lasciano via libera al 100 piedi di Juan Kouyoumdjian. Il record è stato possibile grazie al forte vento da Nord-Est che ha accompagnato Bell (e lo skipper, il campione di Laser australiano Toms Slingsby) per tutta la regata.

GUARDA IL VIDEO DEL RECORD

Per la vittoria in tempo compensato, tra i candidati principali c’è il VOR 70 Giacomo, secondo in tempo reale, a bordo del quale si trova il nostro Francesco Mongelli, romano.

CHE BARCA E’ PERPETUAL LOYAL 
Altro non si tratta che dell’ex Rambler 100 disegnato nel 2008 da Juan Koyoumdjian, acquistato dal neozelandese Anthony Bell. Si tratta di una sorta di “ingrandimento a 100 piedi” di un VOR 70. Ha uno scafo ristretto, leggermente più pesante e dotato di minore superficie velica rispetto a barche del calibro, ad esempio, di Comanche. Dei ballast di 8000 litri aiutano il momento raddrizzante in caso di venti più sostenuti. Essendo una diretta erede dei VOR70, costruiti per dare il meglio di sé alle portanti, ha una capacità di planata fuori dal comune.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su