Occhio ai carichi: scegliete i bozzelli giusti

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

bozzelli
La scelta di bozzelli sbagliati può avere conseguenze catastrofiche.
Non improvvisatevi attrezzisti di coperta senza prima sapere con certezza la potenza e le caratteristiche dei carichi su cui andrete a far lavorare il vostro bozzello. Sul mercato ne esistono diverse tipologie (a frizione, a sfere, a rulli, ibridi) efficaci o meno a seconda dell’area di utilizzo.

bozzelliI MODELLI SUL MERCATO
I tradizionali bozzelli a frizione risultano tuttora i più adatti a sopportare carichi in posizione statica, come nel caso delle drizze o del paterazzo, o in punti dove non c’è un carico diretto (barber, rinvii a piede d’albero). I modelli dotati di sfere (o cuscinetti) assicurano invece una forte riduzione dell’attrito e quindi una rotazione rapida, risultando ideali laddove la priorità sia la velocità e la facilità di regolazione (scotta di randa, genoa e spi, volanti, carrello della randa): meglio non utilizzarli per i carichi statici, perché alla lunga le sfere tendono a ovalizzarsi con una notevole perdita di efficienza. Per quanto riguarda i materiali, la tecnologia ha fatto passi da gigante: aziende storiche come Harken (www.harken.it) e Antal (www.antal.it) o giovani realtà nostrane, come Ubi Maior (www.ubimaioritalia.com), propongono accanto ai modelli tradizionali (in plastica e alluminio) anche bozzelli compositi che uniscono all’estrema leggerezza una grande resistenza ai carichi.

I NUOVI MATERIALI
I nuovi materiali plastici più utilizzati sono il Torlon (per i rulli), in grado di garantire una tenuta nel tempo anche per i carichi più elevati, e il Delrin (per le sfere), che offre un’ottima resistenza alla deformazione. Per i corpi invece si va dall’alluminio anodizzato fino al titanio, leghe che permettono di essere forate o raggiate risparmiando peso. Per quanto riguarda il fissaggio del bozzello, se decidete di utilizzare un loop in tessile (si possono raggiungere carichi maggiori con pesi minori) assicuratevi che la cima abbia un carico di rottura più che doppio rispetto a quello del bozzello.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su