developed and seo specialist Franco Danese

Super Le Cleac’h a Capo Horn (e se non “voli” puoi anche stare a casa)

Da 3.900 a 200.000 euro, 5 barche usate di privati che sono delle vere chicche. Dagli un’occhiata!
23 dicembre 2016
VELAFestival 2017: dalle prime indiscrezioni… tre grandi anteprime
23 dicembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Alle 13.34 (ora italiana) Armel Le Cleach, sull’IMOCA 60 Banque Populaire VIII, ha doppiato Capo Horn. Lo skipper francese, in testa al Vendée Globe (il giro del mondo in solitario senza scalo), sta andando fortissimo: per raggiungere il capo più famoso del mondo (da Les Sables d’Olonne, in Vandea) Le Cleac’h ha impiegato 47 giorni e 32 minuti (17.480 miglia coperte ad una velocità media di 15,5 nodi. Ha polverizzato il precedente primato di Francois Gabart: il biondino degli oceani, vincitore del Vendée 2012/13, aveva impiegato ben 5 giorni, 5 ore e 38 minuti in più.

FOIL AFFIDABILI E POTENTI: LO DICE LA CLASSIFICA
Questo cosa significa? Che se ben gestiti, i foil sono un sicuro vantaggio, poche storie. Basta anche guardare la classifica: i primi quattro scafi sono dotati di appendici. Le Cleac’h, Alex Thomson su Hugo Boss (secondo a 762 miglia), Jérémie Beyou su Maitre Coq (terzo a 1.620 miglia) e Jean-Pierre Dick su St. Michel-Virbac (quarto a 2.111 miglia). Prepariamoci a una prossima edizione del Vendée e tutte le altre regate oceaniche nel segno dei foil.

HO STAPPATO LO CHAMPAGNE
Ora le Cleac’h si prepara all’Atlantico, dove, se lo conosciamo, cercherà di essere conservativo (dopo aver spinto sull’acceleratore per relegare a una debita distanza Thomson, che peraltro è privo di un fil). “Ho tirato fuori lo champagne una volta doppiato Capo Horn: ogni occasione è buona per brindare”, scherza Le Cleac’h. ” Mi godo il paesaggio con la terra a vista. E’ bello vedere un po’ di atmosfera terrestre”

2 Comments

  1. Nuvola ha detto:

    Speriamo che dopo i foils il regolamento IMOCA torni sui suoi passi e liberalizzi anche le chiglie, così da ricercare nuove soluzioni per sfruttare pienamente l’uplift e vedere davvero i monoscafi da volare. O magari sui mini …

  2. Fulvio ha detto:

    Cape Hoorn Les souffles des caphornier lui pousse.
    Mon Hoorn 7 01 2010….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi