Boat of the Year. Quali sono le preferite degli Americani?

Gli americani hanno scelto le loro barche preferite dell’anno. Una selezione che mette in luce la grande varietà del mercato di oggi e, soprattutto, dimostra la crescita dell’appeal che le barche europee stanno conquistando negli States. Solaris (miglior monoscafo sopra i 50’), Elan (miglior monoscafo tra 30’ e 40’), Lagoon (miglior catamarano da 40’ a 50’) e Seascape (miglior “Small Cruiser) hanno infatti conquistato alcune delle categorie più ambite. Tra i modelli vincitori, segnaliamo il piccolo X-Cat, un catamarano di cinque metri disponibile con… motore elettrico!

1/8Catalina 425
Non sono molti i progettisti che possono vedere un loro modello vivere… due volte vent’anni dopo la prima presentazione. è successo a Gerry Douglas con il Catalina 425. L’originale 42 piedi fu lanciato 23 anni fa e prodotto in ben 1000 unità. Oggi il suo successore è stato eletto “miglior barca dell’anno”. Lungh. 12,74 m; largh. 4,20 m. www.catalinayachts.com

2/8 – Elan E4
Trionfo oltre oceano per l’Elan E4, che ha vinto nella categoria dei monoscafi da crociera tra 30 e 40 piedi. Lo scafo disegnato da Rob Humphreys si affermato sul mercato americano grazie all’equilibrio tra la ricerca delle prestazioni e la comodità per chi trascorre lunghi periodi a bordo. Lungh. 10,60 m; largh. 3,50 m. www.adriaship.it.

3/8 – Lagoon 42
Si conferma ancora una volta ai vertici delle preferenze americane un modello del colosso francese. Quest’anno a trionfare tra i multiscafi da 40 a 50 piedi e questo tredici metri, uno dei catamarani più venduti da Lagoon. A convincere è soprattutto la disposizione degli spazi, sia interni sia esterni. Lungh. 12,80 m; largh. 7,70 m. www.cata-lagoon.com

4/8 – Seascape 24
Carrellabile con deriva completamente sollevabile e uno scafo progettato per essere planante: il cantiere si è focalizzato su un punto in particolare, ovvero la capacità di planata anche in condizioni di vento leggero. Tutte caratteristiche che hanno decretato il successo del Seascape 24 come migliore “Small Cruiser”. Lungh. 7,30 m; largh. 2,50 m. www.seascape.it.

5/8 – Solaris 50
Imporsi in una categoria combattuta come quella dei monoscafi oltre i 50 piedi è davvero un’impresa. Ci è riuscito il cantiere italiano con questo modello disegnato da Javier Soto Acebal e caratterizzato da un’attrezzatura di coperta minimalista (solo 4 winches vicino alle ruote) per manovrare comodamente dalla timoneria. Lungh. 15,40 m; largh. 4,55 m. www.solarisyachts.com.

6/8 – VX Evo
E’ la deriva che sta spopolando negli States, pensata per essere utilizzata sia in singolo sia in doppio. L’armo è completamente in carbonio ed è prevista una tripla possibilità di configurazione velica per poter venire incontro alle più diverse esigenze, da quelle più regatanti a quelle delle scuole. Lungh. 4,81 m; largh. 1,76 m. www.bennettyachting.com.

7/8 – X-Cat
Gli americani hanno considerato questo catamarano di cinque metri il miglior daysailer dell’anno. Stupiti? Non dovreste, se pensate che si tratta di un modello dotato di un piccolo motore elettrico montato sull’unico timone centrale. A prua, il fiocco di serie è rollabile e facilmente gestibile anche in singolo. Lungh. 5 m; largh. 2,20 m. www.x-cat.com

8/8 – Xquisite X5
Arriva dal Sudafrica questo moderno bluewater ultracomodo e luminoso, dotato di doppio fiocco a prua (quello di mezzana è autovirante) e winch elettrici. Il design è caratterizzato da forme tonde e armoniose, l’ampio quadrato e lo scafo sono disseminati di spazi di stivaggio extralarge. Lungh. 15,44 m; largh. 8 m. www.xquisiteyachts.com

 

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su