Toh, chi c’è a bordo di quel “vecchio” 32 piedi? Ah, è Robin Knox-Johnston!

robin-knox-johnstonBob Aylott è uno dei fotografi e videomaker inglesi più conosciuti nei circuiti di barche d’epoca. Segue da sempre gli armatori a bordo della barche durante le principali regate anglosassoni e racconta le loro storie e quelle delle loro barche.

In questo video ha fatto qualcosa di più. Già, come vi sentireste se il capitano della barca dove vi trovate per partecipare alla Hamble Classics Regatta, una grande classica del Solent, fosse… Sir Robin Knox-Johnston?!

E c’è di più: la tuga che state calpestando è quella di Suahili, il ketch di 32 piedi con il quale il baronetto vinse il mitico Golden Globe, la prima regata in solitario intorno al mondo senza scalo nel 1968/69.

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su