developed and seo specialist Franco Danese

Sir Peter Blake: a 15 anni dalla morte lo ricordiamo… con le sue parole

5 mete per navigare alla scoperta dell’Asia in Inverno
5 dicembre 2016
Crociere indimenticabili, avventura, ma soprattutto “Catamania”. Il nuovo numero del GdV è in edicola
5 dicembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

peter-blakeIl balordo Ricardo Colares Tavares, che il 6 dicembre del 2001 è salito a bordo della barca di Peter Blake e lo ha freddato con un colpo di arma da fuoco sparato alla schiena, non potrà neanche rendersi orgoglioso di avere creato un mito. Quando Blake è caduto morto all’istante sulla coperta del Seamaster, ormeggiato nella foce del Rio delle Amazzoni, era già un mito. Aveva 53 anni.

Dopo la finale della XXX Coppa America, Patrizio Bertelli chiese a Peter Blake di scrivere la prefazione del libro Luna Rossa. Un testo che è diventato il “manifesto” del regatante e col quale abbiamo deciso di ricordare il grande velista

La Coppa America è un trofeo molto ambito, ma che di rado ha cambiato mano. Questo non è uno sport per deboli di cuore. Non è impresa da prendere alla leggera o per capriccio. è una lotta tra velisti di Yacht Club sparsi nel mondo che vogliono disperatamente la stessa cosa: mettere le mani sulla Coppa. Il prestigio per il vincitore vale più di qualsiasi altro riconoscimento sportivo. è proprio vincere l’invincibile e fare l’impossibile che affascina uomini di mare, sognatori e miliardari. Ma la vittoria non arriva facilmente. Anzi, il più delle volte non arriva affatto. L’unico modo per vincere è continuare a partecipare, continuare a tornare, una volta dopo l’altra, con l’intimo convincimento di potercela fare.

sir-peter-blake-660x330

Esitare dopo il primo tentativo non fa parte delle regole del gioco. Ci vogliono persone straordinarie, con una motivazione ferrea, grande esperienza, attenzione per i particolari e dedizione incondizionata. E’ un gioco in cui, per quanto tu ti possa impegnare, per quanto tu possa essere motivato, per quanto tu possa essere disposto a spendere, la vittoria non è mai garantita. Per alcuni diventa una specie di droga. è un gioco che puoi arrivare a odiare profondamente, salvo poi scoprire che non puoi farne a meno, finché non vinci. Poi avviene la metamorfosi, o almeno è quanto è successo a me.

L’aver fatto parte di un equipaggio che è riuscito a conquistare una volta la Coppa America e a difenderla con successo mi ha liberato da quella terribile stretta alla bocca dello stomaco. Sono appagato. Sono guarito. Dormo bene la notte e faccio altri sogni. Nuove passioni stanno nascendo in me. Ma sia ben chiaro: gareggiare per la Coppa America è un gioco di passione, di sogni, dove in ogni momento di veglia (e di sonno) si ha sempre un solo e unico pensiero, quello di vincere, ma la vittoria è incerta fino a quando non la ottieni. La delusione e il disappunto fanno male anche quando sono gli altri a soffrirne, figuriamoci quando li sperimenti sulla tua pelle.

peter blake

Continui a chiederti “come?” e “perché?” per intere settimane, fino a quando non raggiungi la determinazione di doverci riprovare per non ripetere lo stesso errore, per fare meglio di prima, per essere migliore del resto del mondo, per essere il Migliore. E allora l’ansia si trasforma di nuovo in sogno e passione. Il pensiero di vincere non ti abbandona mai, ma è meglio lasciarlo da parte e concentrarsi su un nuovo obiettivo: essere il migliore, in tutti gli aspetti della nuova sfida. Nulla può essere lasciato al caso, nemmeno il più piccolo dettaglio.

Ma questo non succede solo perché sei tu a volerlo. Ci vuole un team di persone eccezionali, che condividano lo stesso sogno e la stessa passione e che non abbiano paura neppure del pronostico più sfavorevole. E’ la difficoltà della sfida che mette in moto l’adrenalina nelle vene infiacchite dalla delusione patita in precedenza. è la difficoltà di vincere che rende la Coppa America ciò che è. Non è un gioco per ammiragli da salotto. Non è un gioco per chi non è disposto a tornare. Non è un gioco per chi è debole di cuore.

Peter blake

E’ il gioco per chi non ha paura di contrapporsi a quanto di meglio il resto del mondo ha da offrire. è un gioco dove vincere è quasi impossibile, quasi, ma non del tutto. Ed ecco perché vale la pena di battersi. è la difficoltà che dà un significato a qualsiasi lotta. è l’essenza stessa della vita. Agli uomini di Luna Rossa, voglio dire: ho ammirato la vostra sportività, la vostra tenacia e il vostro entusiasmo per la vita. Avete dato un’immagine molto positiva del vostro Paese. I vostri connazionali saranno fieri di voi. Questa volta non avete vinto, ma di sicuro non avete perso. Perdi quando ti viene a mancare il coraggio per tornare. Non vincere fa parte del processo di apprendimento che porta al successo. Per le prossime sfide, vi auguro grande fortuna. Perché è anche una questione di fortuna. Ma non sarà facile. Le cose belle non lo sono mai. Peter Blake

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi