developed and seo specialist Franco Danese

Batosta per Maserati e Soldini in Atlantico: un errore tattico pagato caro

La vela vola. La prima barca di serie con i foil è realtà: arriva il Figaro Beneteau 3
5 dicembre 2016
VIDEO e GALLERY Il Melges 40 finalmente “a nudo”
6 dicembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

4750-copiaSoldini e Maserati hanno rimediato una bella batosta da Phaedo 3, questa volta. Gli americani, che erano diventati facile bersaglio di critiche dopo lo “svarione” della Rolex Middle Sea Race (dove erano andati verso Linosa credendo fosse Lampedusa, lasciando la vittoria facile a Maserati) si sono “vendicati” alla RORC Transatlantic Race, stravinta nei confronti del Multi70 di Soldini (oltre 19 ore di vantaggio).

Dopo l’arrivo di ieri a Grenada alle 20h 54′ 23″ GMT (ora locale 16.54), lo skipper di Maserati Multi70 Giovanni Soldini ha fatto le prime riflessioni sulla RORC Transatlantic Race, partita sabato 26 novembre alle ore 12,10 GMT da Lanzarote e terminata per il Team italiano con un tempo di 7 giorni, 8 ore, 44 minuti e 23 secondi.

«È stata una bellissima corsa, anche se sarebbe stato più interessante restare a contatto con Phaedo3 per controllare le rispettive velocità nelle diverse situazioni, ma nella prima notte abbiamo fatto scelte tattiche diverse senza avere la posizione della loro barca dall’AIS (Automatic Identification System). Ci sembrava meno rischioso passare a Nord sopravento a Las Palmas per non finire nel cono d’ombra dell’isola, ma siamo finiti in una zona con meno vento e abbiamo fatto molto fatica a passarla. I nostri amici americani, a Sud, invece sono andati come fulmini. Anche la rotta a Nord, a quel punto per noi obbligata, si è rivelata peggiore di quella a Sud».

Il bilancio della RORC Transatlantic Race di Maserati Multi70 è in ogni caso positivo come test per il volo oceanico. Continua Soldini: «Le condizioni di Aliseo che si formano arrivando qui con l’alta pressione e il mare non troppo violento sono ideali per far volare una barca come la nostra: abbiamo fatto medie di 24 nodi, toccato picchi di 40 e avuto un giorno strepitoso sempre sopra i 30 nodi. Siamo molto contenti di tutto quello che abbiamo capito sul volo in oceano con un foil a L. Abbiamo trovato il modo di usarlo sia quando c’è troppo vento e troppa onda, sia in condizioni più variabili in cui è possibile volare. Siamo molto soddisfatti di tutti i lavori fatti e di tutte le ottimizzazioni trovate e potremmo ripartire già domani».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela