VIDEO In mezzo al nulla volando a 20 nodi. Il Vendée come non l’avete mai visto

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

schermata-2016-12-01-a-12-22-28
Per la prima volta nella storia del Vendée Globe (il giro del mondo in solitario senza scalo a bordo di IMOCA 60 partendo da Les Sables d’Olonne, in Vandea, Francia del nord), un video mostra i due leader della regata, Armel Le Cleac’h su Banque Populaire VIII e Alex Thomson a bordo di Hugo Boss, nell’Oceano Indiano del sud, al largo delle isole Kerguelen, uno dei posti più sperduti del mondo (l’Africa è 2000 miglia ad ovest, l’Australia 2000 ad est, l’Antartide 1000 a sud).
Mentre venivano filmati dall’alto, a 20 nodi di velocità (l’impresa è stata possibile grazie alla collaborazione della Marina francese che ha messo a disposizione la fregata Nivose da cui è decollato un elicottero con i cameramen, del canale TF1 e i direttori di regata del Vendée), i due sono stati anche intervistati via VHF.

NELL’INDIANO DEL SUD SPARATI A 20 NODI: GUARDA IL VIDEO

 IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
Le Cleac’h e Thomson sono i due indiscussi protagonisti della regata, fino ad ora. Prima è stato avanti l’inglese, che ha spinto come un forsennato fino al Capo di Buona Speranza, poi (complice la rottura del foil di dritta su Hugo Boss) in Indiano il francese si è avvicinato, lo ha superato e adesso conduce di meno di un miglio.

Un soffio. E’ un vero duello, un match-race che dura da migliaia di miglia. Nel video è possibile vedere come le due barche navighino con differenti configurazioni. Thomson ha due mani di terzaroli sulla randa, una staysail e il reacher sul bompresso. Le Cleac’h ha invece una mano con a prua un fiocco frazionato prima e poi uno non frazionato in testa d’albero.

schermata-2016-12-01-a-12-16-51Del foil di dritta su Hugo Boss non c’è traccia, mentre su Banque Populaire l’appendice è ben visibile. Quindi, in questo momento, è come se Thomson fosse a bordo di un IMOCA tradizionale, leggermente svantaggiato in termini di velocità (questo giustifica l’assetto meno “conservativo” rispetto al francese). Ma la sfida è ancora lunga, lunghissima. Gli altri avversari sembrano non avere speranze: Sebastien Josse, terzo a bordo di Edmond de Rothschild, ha un ritardo di ben 670 miglia come si evince dalla classifica qui sotto. Ricordiamo che gli abbandoni ad oggi ammontano a quattro: Tanguy De Lamotte (Initiatives Coeur), Morgan Lagravière (Safran), Vincent Riou (PRB), Bertrand De Broc (MACSF).

schermata-2016-12-01-a-12-05-45

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Cino Ricci, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’ America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le 90 candeline, ha ricevuto la

Ambrogio Beccaria - Alberto Riva

Dopo il ritiro: Ambrogio Beccaria marinaio come tutti

Fresco di ritiro dalla Quebec-Saint Malo (la regata di 2897 miglia nell’Atlantico del Nord, dal Canada alla Francia) a causa di una falla sulla sul suo Class 40 AllaGrande Pirelli, Ambrogio Beccaria si è lasciato andare a questa intensa riflessione.

Registrati



Accedi