AFFONDATI IN ATLANTICO! La ARC non è un gioco da ragazzi

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

ap_boat_rescue_01_jef_140812_12x5_1600
La ARC (Atlantic Rally for Cruisers, 3.000 miglia da Las Palmas, Gran Canaria a Rodney Bay, Saint Lucia, ai Caraibi), partita lo scorso 20 di novembre, è considerata la più “semplice” delle traversate atlantiche in flotta (vuoi per l’assistenza, vuoi per il fatto di essere in tanti, vuoi per la stagione che prevede condizioni tranquille).

Noah, la barca affondata (foto tratta da Yachting World)
Noah, la barca affondata (foto tratta da Yachting World)

Ma presenta comunque dei rischi, non è uno scherzo: anche se le barche, prima di partire, devono superare rigidi controlli di sicurezza, l’avaria è sempre dietro l’angolo. Dopo l’affondamento nel 2015 dello yacht Magritte, quest’anno è toccato a Noah un one-off tedesco in alluminio, un BM39 Berckemayer su cui a bordo c’erano Alexander Grefrath con la moglie Alexandra, i figli di 10 e 12 anni, e il loro amico Jorg Zeibig.

Il luogo dell'affondamento (fonte Yachting World)
Il luogo dell’affondamento (fonte Yachting World)

LA DINAMICA
Tre giorni dopo la partenza dalle Canarie l’imbarcazione ha cominciato a imbarcare acqua, senza che i membri dell’equipaggio riuscissero a individuare la via d’acqua. Grefrath ha lanciato il Mayday una volta che l’acqua è arrivata al livello delle batterie e dell’impianto elettrico: la richiesta di soccorso è stata raccolta dalla Guardia costiera di Tenerife e dai partecipanti della ARC (molti di loro hanno deviato la loro rotta per recarsi sul luogo e assistere i tedeschi: questo è il bello di questa regata). Abbandonata la barca, i cinque sono stati tratti in salvo a bordo di una nave oceanografica, la RRS James Cook.

(la foto di apertura non si riferisce all’incidente ma ha solo scopi illustrativi)

SCOPRI TUTTI GLI EQUIPAGGI ITALIANI ALLA ARC 2016

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Vincenzo “Cino” Ricci, per tutti rigorosamente Cino, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’ America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le

Ambrogio Beccaria - Alberto Riva

Dopo il ritiro: Ambrogio Beccaria marinaio come tutti

Fresco di ritiro dalla Quebec-Saint Malo (la regata di 2897 miglia nell’Atlantico del Nord, dal Canada alla Francia) a causa di una falla sulla sul suo Class 40 AllaGrande Pirelli, Ambrogio Beccaria si è lasciato andare a questa intensa riflessione.

Registrati



Accedi