developed and seo specialist Franco Danese

Giovanni Soldini volerà in Atlantico: forza Maserati!

Oggi è il Black Friday di Nauticplace! -10% su tutti i 10.000 prodotti
25 novembre 2016
AFFONDATI IN ATLANTICO! La ARC non è un gioco da ragazzi
26 novembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

credit_guilain-grenier
Si rinnova la sfida tra Giovanni Soldini, sul Multi70 Maserati e Lloyd Thornburg, sul MOD70 Phaedo3.
Lo diciamo subito: tifiamo per Soldini, ma speriamo che i ragazzi di Phaedo non ripetano la figura barbina rimediata alla Rolex Middle Sea Race (quando sbagliarono addirittura isola da girare!). Questa volta siamo fuori dal Mediterraneo, e Maserati da domani sarà in regata alla RORC Transatlantic Race 2016 che prende il via da Lanzarote sabato 26 novembre alle 12 con 15 superbarche al via (tra i monoscafi, spicca il 100 piedi Leopard III di Mike Slade).

credit_tiziano-canuQUESTA VOLTA MASERATI VOLA
A differenza della Middle Sea, alla quale Maserati si era presentata senza foil (un timone era stato danneggiato durante il trasferimento facendo saltare la configurazione), questa volta Soldini avrà a disposizione le appendici, accoppiate con timoni a “T” rovesciata: per la precisione, il foil di sinistra è “tradizionale”, a “C”, di quelli che abbiamo già visto a bordo dei MOD70. Ha una buona stabilità ma in termini di attrito non è il top. Quando si naviga mure a dritta, diciamo che siamo in modalità “normale”. Il gioco si fa interessante mure a sinistra: il foil di dritta – fabbricato in Italia – ha un profilo a “L”, in grado di garantire una lift (forza verticale) molto maggiore e quindi di sollevare lo scafo completamente dall’acqua. L’attrito è pressoché nullo e la velocità aumenta vertiginosamente.

Maserati Multi70 Attends The Rolex Middle Sea RaceI FEDELISSIMI DI SOLDINI
La rotta, a favore di Alisei, è di 2.865 miglia e il traguardo alle Grenadine sull’isola di Grenada. A bordo di Maserati Multi70, oltre a Soldini, regateranno in sei: Guido Broggi, Francesco Malingri, Jean-Baptiste Vaillant, François Robert, Oliver Herrera e Carlos Hernandez. I modelli meteo americani ed europei concordano e danno una fotografia abbastanza inusuale della situazione rispetto a quel che ci si aspetta dall’Atlantico in questo periodo, con il regime di Alisei non ancora instaurato e un grosso sistema depressionario associato a fronti estesi che imporranno scelte tattiche delicate. Il tempo da battere dei multiscafi (stabilito nel 2015 da Pahedo3) è di 5 giorni, 22 ore, 46’ e 03”.

“DI FRONTE A NOI UN ATLANTICO IRRICONOSCIBILE”
«Sarà una regata molto tosta. Siamo venuti qui per correre una transat a favore di Alisei e invece ci troviamo davanti un Atlantico irriconoscibile», spiega Giovanni Soldini. «La situazione quest’anno è complessa: l’Aliseo è disturbato da una serie di depressioni tropicali e la regata si giocherà sulla tattica per evitare di finire a metà rotta dove l’Aliseo soffierà a fatica. Vedremo se avrà ragione chi andrà a cercare il vento fra i fronti a Nord o chi punterà a Sud. Con i nostri foil se navighiamo con almeno 15 nodi d’aria siamo nelle condizioni ideali per confrontarci con Phaedo3». Qui il link al sito della RORC Transatlantic Race

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi