developed and seo specialist Franco Danese

FOTOGALLERY Era una barca tradizionale, ora è un mostro da regata hi-tech

Regatanti occhio! Ecco cosa cambia nell’ORC del 2017
18 novembre 2016
ARC, loro la fanno. Quando partirai anche tu?
20 novembre 2016

large_15002293_1520450364638260_1612674566644482207_o1
Prendi una bella barca di 90 piedi del 2004, chiuditi in cantiere in Nuova Zelanda con un team di superingegneri e tirane fuori un bolide di quasi 100 piedi pronto a battere record oceanici
e chissà, provare a “mettere la prua” davanti a mostri quali Comanche, Wild Oats XI o Rambler. In breve vi abbiamo raccontato la storia di CQS, la barca del due volte vincitore della Sydney Hobart Ludde Ingvall: questo il nuovo nome dell’ex 90 piedi Nicorette, che alla classica australiana aveva conquistato i line honours nel 2004. (foto tratte da www.sail-world.com)

La vecchia Nicorette

La vecchia Nicorette

LA RICETTA PER UNA SUPERBARCA
Ma come si fa a trasformare una barca in superbarca? In primis la doti di DSS (acronimo di Dynamic Stabilty System), in modo tale da “colmare il gap” con barche tipo Wild Oats: il sistema consta di due “ali” retrattili poste al centro dello scafo. A seconda delle mura, una di queste ali viene aperta sottovento, per garantire una maggiore resistenza allo sbandamento.

large_15000723_10155400483529746_2605138879397986830_o1Aggiungi poi un sistema di canting keel, un canard a prua davanti all’albero (stile Cookson 50), due “ali” laterali in modo tale da avere la base delle sartie allargata. Lo scafo è stato allungato davanti all’albero in modo tale che quest’ultimo risulti più appoppato (siamo al 46% di lunghezza dello scafo partendo da poppa), soluzione che consente di aumentare ulteriormente la superficie delle vele di prua. Senza contare un maxi bompresso integrato nello scafo di 4 metri, pensate un po’ che asimmetrici vedrete lì sopra! Queste sono solo alcune delle soluzioni ideate dall’architetto navale neozelandese Brett Bakewell-White. Intanto vi mostriamo le foto dello scafo e i rendering del progetto, sono pazzeschi (ci si divertirà parecchio, alla prossima Sydney Hobart, che partirà il 26 dicembre).

GUARDA CQS, LA SUPERBARCA


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

1 Comment

  1. franco ha detto:

    ci sarà da ridere a vedere e misurare quanto sarà frenata di bolina con le ali che tengono le sartie sott’ acqua !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi