developed and seo specialist Franco Danese

Carlo Croce out: una sconfitta per la vela italiana

Che cos’hanno in comune il nuovo ClubSwan50 e una megattera?
14 novembre 2016
Ti pagano 10.000 euro al mese per divertirti girando il mondo in barca. Tutto vero
14 novembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Aperitivo e CenaSic transit gloria mundi, dicevano i latini. Fino a pochi giorni fa era il “presidentissimo”, perché occupava ben tre poltrone (quella di presidente di World Sailing, della FIV e dello Yacht Club Italiano).

kim-andersenOggi Carlo Croce, scaduto il suo mandato FIV, si dovrà accontentare di essere soltanto a capo del genovese YCI: la Federvela mondiale gli ha preferito Kim Andersen, il “giovane” (si fa per dire), 59 anni, danese. E’ convinto che la vela se non si dà una mossa uscirà dalle Olimpiadi. E sarebbe un bel guaio! Ottimo velista sui Dragoni (una classe demodé), ingegnere, squisitamente “nordico” nei modi. Tra l’altro, sarà aiutato dal grande Torben Grael, eletto vicepresidente (gli altri sono lo statunitense Gary Jobson, il cinese Quanhai Li, l’uruguaiano Scott Perry, la tedesca Nadine Stegenwalner, il neozelandese Jan Dawson e la spagnola Ana Sànchez).

L’ERRORE DI CROCE
Fino a pochi mesi fa, la rielezione di Croce era quasi una formalità, e invece ha perso il ballottaggio dopo che i due candidati non erano riusciti a raggiungere il 50% dei voti nella prima fase: chi aveva votato per il “redivivo” canadese Paul Henderson, 81 anni (che era già stato a capo di World Sailing, quando ancora si chiamava ISAF) ha preferito schierarsi a favore del cambiamento piuttosto che della continuità. Sicuramente su Croce pesa la poca coerenza manifestata sulla questione classi olimpiche: da programma non sarebbero dovute cambiare nel 2020, poi su pressioni del CIO aveva aperto a un cambiamento salvo infine, visto il malumore che l’apertura aveva creato all’interno di World Sailing, tornare sui propri passi iniziali “bloccando” le classi. Di contro, Andersen, sceso in campo tardivamente forse proprio giocando su questo malumore, ha goduto di endorsement importanti anche a livello mediatico (come quello del seguitissimo blog Sailing Anarchy).

ika_kitefoil_gold_cup_italia_01CLASSI CONFERMATE PER TOKYO, SI TENTA DI AGGIUNGERE IL KITE
Classi che per il 2020 rimarranno le stesse, ha stabilito l’Assemblea Generale di World Sailing a Barcellona. Inoltre una undicesima medaglia sarà richiesta al CIO, unitamente a un evento dimostrativo: e qui entra in gioco il kite, che gode di larghissimo credito tra i giovani (stiamo parlando di un milione e mezzo di praticanti al mondo, con un’età media di 20 anni), e che potrebbe davvero essere l’arma del prossimo quadriennio, dato per scontato che si tratti di vela, seppur acrobatica, per riavvicinare i ragazzi al mondo del mare.

 

3 Comments

  1. ivo lami ha detto:

    ha scontato la propria modestissima levatura e da italiano duole dirlo ma la federazione internazionale non ha che da guadagnare dal cambio

  2. Pippo pluto ha detto:

    Credo che la vela tutta, e soprattutto quella italiana, possa giovarsi dall’uscita di scena di Carlo Croce. Per cui forse il titolo dell’articolo non dovrebbe citare una sconfitta ma forse la possibilita’ di nuove opportunita’
    A sottolineare l’inefficenza di Croce, quando contemporaneamente era presidente FIV e federazione mondiale vela, le vicende Star e Laser
    In Italia ci sono i due migliori cantieri al mondo che producono le Star (Folli e Lillia), e il governo brasiliano ha fatto di tutto per far ricomparire la Star all’olimpiade. Invece che sfruttare la cosa il buon Croce ha affondato il progetto di fatto annientando i due cantieri italiani
    Quella del Laser poi e’ una farsa totale: da presidente della federazione vela italiana e di quella mondiale non e’ riuscito a dirimere la diatriba che dura ormai da quasi tre anni tra assolaser, associazione italiana classi laser e ILCA…..
    Finalmente si leva di mezzo…..

  3. Marco ha detto:

    Siete davvero political correct ad oltranza !
    Non me ne vogliate, ma con Croce, noi italiani, abbiamo fatto la solita figura da ladri (soldi gazprom) e incopetenza (per es. vela fuori dalle paraolimpiadi).
    Stessa figura alla FIV.
    Solo caos e nient’altro. 2 olimpiadi di fila senza medaglie, ma com’e’ possibile ? Siamo un Paese immerso nel mare, dovremmo vincerne almeno la meta’ messe in palio.
    Speriamo adesso i nuovi dirigenti non siano uguali a lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi