developed and seo specialist Franco Danese

#2/ Il teak. Speciale Refitting. Il momento di cambiare. Dieci domande in dieci puntate.

francesco ettorre
VIDEO “Questa è la FIV che voglio”. Parla il nuovo presidente della vela italiana
29 ottobre 2016
#3/ L’antivegetativa. Speciale Refitting. Il momento di cambiare. Dieci domande in dieci puntate.
30 ottobre 2016

teakdeckingSeconda puntata del nostro speciale dedicato al refitting.  Finita la bella stagione, le crociere estive e i week end autunnali ancora caldi, ora è il momento di entrare nella fase invernale, che per ogni armatore significa una cosa sola: messa a punto, controlli, ottimizzazione, in un parola refitting, rimettere in forma. La domanda del giorno è

2. Devo sostituire il teak in coperta, cosa faccio?
Se avete il teak posato in coperta, inevitabilmente, dopo tanti rimandi, arriva il fatale momento in cui non potete più stare a guardare il legno rovinato e dovete decidervi a intervenire. La completa sostituzione di questo prezioso legno in coperta è molto costosa, soprattutto se, per avere un risultato che duri nel tempo, ci si affida alla maestria di un bravo artigiano. Sono sempre più gli armatori che scelgono di togliere il teak e di tornare alla coperta in vetroresina, perché pesa meno e richiede meno manutenzione. Ci sono diverse possibilità di colore e “grane” dell’antiscivolo da applicare in coperta, a seconda dell’utilizzo che si fa delle barca. Tuttavia una coperta in plastica scalda spesso come e forse più del teak e il vero vantaggio resta quello in termini economici. Si può però prendere in considerazione la sostituzione con un materiale sintetico simil-teak di cui a fatica si percepisce la differenza dall’originale, dura molto di più e offre un’eterogenea scelta riguardante la geometria delle doghe e i colori.

bettertteakhdc3-1170x845No alla plastica? No al teak? La soluzione c’è. La sostituzione del teak è uno degli interventi più costosi. Se si preferisce risparmiare c’è una valida alternativa al ritorno alla coperta in vetroresina, ovvero un materiale sintetico, una sorta di teak “che non è teak”. è più leggero e veloce da posare. Ed è anche più economico: può costare fino al 40% in meno (il prezzo già gommato è di circa 140 euro al mq e di circa 450  al mq con montaggio e trasporto). Il vantaggio principale di questi sistemi è il prezzo, una buona viscosità che comporta una maggiore facilità di riempimento del comento durante la lavorazione ed una facile reperibilità.

 

SCOPRI A CHI RIVOLGERTI PER RIMETTERE A NUOVO LA TUA BARCA

LE TUE VELE SONO COTTE? SCOPRI IL MEGLIO DELLE VELERIE


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi