developed and seo specialist Franco Danese

E’ stata la Middle dei Cookson 50. Tutti (ma proprio tutti) i vincitori

ADDIO GUO CHUAN Il solitario cinese sparito tra le onde del Pacifico
27 ottobre 2016
Il numero di novembre e’ in edicola. Scopri come rendere migliore la tua barca (e molto altro)
27 ottobre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Rolex Middle Sea RaceLo avevamo anticipato e ora lo confermiamo: il Cookson 50 Mascalzone Latino ha vinto la Rolex Middle Sea Race ( in IRC Overall e in classe 2 (niente da fare per il J/122 Artie di Lee Satariano e il JPK 10.10 Foggy Dew di Racine Noel, hanno impiegato troppo tempo nella parte finale di regata tra Pantelleria, Lampedusa e Malta). Una grandissima impresa (quinti overall in reale, percorso completato in 3 giorni, 3 ore, 8 minuti e 3 secondi) che però l’armatore, Vincenzo Onorato, non ha potuto vivere in prima persona poiché non era a bordo per impegni di lavoro. Ottimo lavoro per Marco e Matteo Savelli, Adrian Stead, Lorenzo Bressani, Branko Brcin, Ian Moore, Leonardo Chiarugi, Andrea Ballico, Pierluigi De Felice, Daniele Fiaschi, Stefano Ciampalini e Davide Scarpa.

Rolex Middle Sea RaceIL GUSTO DELLA RIVINCITA
E pensare che lo scorso anno Mascalzone si era visto soffiare la Middle Sea per soli 9 secondi: ah, il sapore della rivincita. Così Matteo Savelli: “Dentro di noi avevamo rimandato tutto a quest’edizione. È andato tutto perfettamente, tutti i ragazzi dell’equipaggio hanno fatto un ottimo lavoro. Da Capo Passero a Trapani avremo fatto 20 cambi di vele di prua per sfruttare tutti i cambiamenti del vento, il tutto senza alcun genere di intoppo. La velocità della barca, dopo tutti i lavori svolti durante l’inverno per migliorarne le performance, hanno dato i frutti sperati. E le indicazioni strategiche di Ian, nostro navigatore, sono state azzeccate. Non poteva andare meglio di così“.

c53429284cb2340c143fdf954676c1beSUPER CIPPA LIPPA 8 IN ORC
Che il Cookson 50 sia una grande barca (ve ne parliamo qui) è confermato anche dal fatto che ha stracciato tutti pure in ORC, dove Cippa Lippa 8 di Guido Paolo Gamucci, secondo in IRC dietro ai Mascalzoni, ha trionfato. A bordo, oltre a Gamucci, c’erano Francesco Diddi, Roberto Spata, Andrea Caracci, Massimo Segnini, Matteo Holm, Gian Grasso, Andrea Venezian, Davide Rosa, Nicola Stedile, Giuseppe Incatasciato, Carlo Simoncelli, e Lorenzo Garosi.

I RAGAZZI DI CIPPA LIPPA RACCONTANO LA REGATA

14567567_10210434313432112_6866958742478942055_oLO STRAFALCIONE DI PHAEDO
Questa Rolex Middle Sea Race, caratterizzata da venti mutevoli in intensità e direzione, verrà ricordata come quella del grande strafalcione di Phaedo3 (MOD70 di Lloyd Thornburg), che sbagliando percorso e scambiando Linosa per Lampedusa ha regalato la vittoria nei multiscafi al nostro Giovanni Soldini, autore di un’ottima prestazione sul suo Multi70 Maserati. E ha generato l’ilarità sul web, con vignette, fotomontaggi (come quello qui a lato) e “meme” ad hoc.

04f42cea9eae0f47d3576ea863600a8d-300x241I NUMERI E IL PERCORSO DELLA MIDDLE SEA
Sono 107, provenienti da 25 nazioni, i partecipanti alla 37ma edizione della Rolex Middle Sea Race, che a noi piace chiamare “Fastnet” o Sydney Hobart de noantri”, perché è l’unico vero grande appuntamento oltre le 500 miglia in Mediterraneo e spesso le condizioni sono davvero “oceaniche”. Si tratta di 608 miglia: si parte a La Valletta (Malta) e la rotta da seguire, in senso antiorario, passa dalla Sicilia per le Isole Eolie – inclusa Strombolicchio-, prosegue attorno alle Egadi, eccetto l’isola di Marettimo, Pantelleria e Lampedusa, attraversando poi il Canale a sud dell’isola di Comino e concludendosi nel porto di Marsamxett a Malta.

TUTTI I VINCITORI
Ma vediamo tutti i vincitori, classe per classe:

IRC – OVERALL
1. Mascalzone Latino, Cookson 50, Onorato
2. Cippa Lippa, Cookson 50, Gamucci
3. Maverick, Infiniti46, Cotterell

IRC – 1
1. Maverick, Infiniti46, Cotterell
2. Caro, Botin 65, Klink
3. Wild Joe, RP60, Jozsa

IRC – 2
1. Mascalzone Latino, Cookson 50, Onorato
2. Cippa Lippa, Cookson 50, Gamucci
3. Audax Energia, TP52, Garriga

IRC – 3
1. Zenhea Takesha, Mylius 49, Quadarella
2. T’Ala, Swan 45, Collins
3. Frogfoot, Ker40, Bryuzga

IRC – 4
1. Teasing Machine, A13, Pages
2. XP-Act, XP-44, Camilleri
3. Il Corvo, GS43, de Vin

IRC – 5
1. Artie, J/122, Satariano
2. SL Energies Fastwave, J/111, Charmy
3. Jivaro, J/133, Grosjean

IRC – 6
1. Foggy Dew, JPK 10.10, Noel
2. Bogatyr, JPK 10.80, Rytov
3. Scricca, Comet 38s, Servi

ORC – OVERALL
1. Cippa Lippa, Cookson 50, Gamucci
2. Maverick, Infiniti46, Cotterell
3. DHL-Adelasia di Torres, M37, Nobis/Azara

ORC – 1
1. Wild Joe, RP60, Jozsa
2. Green Dragon, VOR70, Schwarz
3. Egi…4, Mylius 76 FD, Giglio

ORC – 2
1. Cippa Lippa, Cookson 50, Gamucci
2. Maverick, Infiniti46, Cotterell
3. Audax Energia, TP52, Garriga

ORC – 3
1. Zenhea Takesha, Mylius 49, Quadarella
2. Lunz am Meer, Swan 651, Strasoldo
3. Frogfoot, Ker40, Bryuzga

ORC – 4
1. Jivaro, J/133, Grosjean
2. XP-Act, XP-44, Camilleri
3. Elusive 2, First 45, Podesta

ORC – 5
1. Artie, J/122, Satariano
2. SL Enrgies Fastwave, J/111, Charmy
3. Canevel Spumanti, First 40, Persico

ORC – 6
1. DHL-Adelasia di Torres, M37, Nobis/Azara
2. Scricca, Comet 38S, Servi
3. Sagola Biotrading, GS37, Fornich

MOCRA (Multiscafi)
1. Maserati, Multi70, Soldini
2. Phaedo3, MOD70, Thornburg
3. Ciela Village, Multi50, Bouchard

CLASS 40
1. Talanta, Pogo 40S2, Ryking
2. Vaquita, Akilaria 40, Anemos Team
3. Waypoint, Pogo S1, Chargo

IRC x 2
1. Unica, Solaris One 42, Sammut/Cachia
2. 2Hard, J/109, Hartl/Wolf
3. Prospettica, Comet 41s, Gonzi/Dotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi