developed and seo specialist Franco Danese

Finn VS Kite, and the winner (che avete deciso voi) is…

FOTOGALLERY My Song, la superbarca scatto dopo scatto
12 ottobre 2016
La barca del progettista con i dread ha vinto cinque Barcolane di fila!
12 ottobre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

kiteVolevamo provocarvi, quando abbiamo lanciato online il sondaggio chiedendovi se foste d’accordo che il kite con i foil entrasse nel programma di medaglie olimpiche, al posto del Finn, a partire dal 2020. Una vecchia e gloriosa classe (disciplina olimpica ininterrotta dal 1952) contro una giovanissima, volante e iperveloce, al punto da “azzeccarci” davvero poco con la vela tradizionale. Credevamo che non sarebbero tardati a volare insulti, e invece il sondaggio è stato seguitissimo, con oltre mille voti.

Schermata 2016-10-12 a 12.56.03Ma soprattutto, ha indicato una netta maggioranza di preferenze in favore del cambio classe. Motivazione? Una necessità di rinnovamento della vela, i costi minori e l’indubbia maggior diffusione. I contrari dal canto loro sostengono che il kite non c’entra un fico secco con la vela, e che semmai dovrebbe essere inserito nel programma olimpico in qualità di “sport da spiaggia” tipo beach volley. Anche se, con l’introduzione dei foil, i kiter volano a 25 nodi e stringono il vento a 40°. Non smettete di farci sapere cosa ne pensate, intanto noi continuiamo a provocarvi e ve li mettiamo a confronto (lasciando fuori parametri davvero fuori luogo come, ad esempio, la velocità) qui sotto…

FINN “CONTRO” KITE: UN CONFRONTO IMPOSSIBILE?

QUANDO E’ NATO?
Finn: Il Finn è nato nel 1949 per mano dello svedese Rickard Sarby ed è classe olimpica dal 1952, ininterrottamente.
Kite: Ufficialmente nel 1999, ma già dal ’92 esistevano “pionieri” francesi che abitavano alle Hawaii e che sperimentavano questi “aquiloni. Gli hydrofoil sui kite sono arrivati intorno al 2005.

I COSTI?
Finn: Per essere competitivi, tra scafo albero e vele nuovi si superano i 10-11.000 euro. Per un Finn da campagna olimpica i prezzi salgono, si va sopra i 20.000 euro.
Kite: L’attrezzatura completa e nuova per un kite “volante” (appendici, tavola e vela) parte da circa 4.000 euro. Per un set al top potete arrivare a spendere quasi 10.000 euro.

DIFFUSIONE (IN ITALIA)?
Finn: La Ranking List Nazionale Finn 2016 conta 106 regatanti. Gli associati totali sono circa il doppio.
Kite: Secondo le stime (il panorama è eterogeneo e non perfettamente quantificabile, tra freestyler e hydrofoilers) i kiter in Italia sono circa 18.000.

IL FUORICLASSE ITALIANO?
Finn: Sicuramente Luca Devoti, argento alle Olimpiadi di Sydney del 2000.
Kite: Nella disciplina hydrofoil, Andrea Beverino, atleta tra i migliori al mondo. Tra i freestyler sono fortissimi Gianmaria Coccoluto, Mario Calbucci e Francesca Bagnoli.

IL FUORICLASSE INTERNAZIONALE?
Finn: Ben Ainslie, Russell Coutts, Paul Elvström, Jochen Schumann. E la lista potrebbe proseguire…
Kite: Aaron Hadlow tra i freestyler e il 18enne Alex Mazzella nell’hydrofoil.

1 Comment

  1. bottadritta ha detto:

    sono nato e cresciuto sul laser ma se i numeri sono quelli riportati sopra devo votare (a malincuore) per il kite: basso budget d’acquisto e vasto numero di praticanti sono fattori determinanti per un ammissione alle prossime Olimpiadi. D’ altronde furono gli stessi motivi a far si che il Laser diventasse classe olimpica: costi contenuti e immenso numero di praticanti nel mondo. P.S. comunque io lascerei il Finn e farei uscire il 470

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi