La barca scuffia, quattro velisti muoiono. Il colpevole è il gestore?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

cheeky-rafikiQuattro velisti inglesi morti in Atlantico tra Cape Cod (Massachussets) e le Azzorre nel maggio del 2014, dopo che il First 40.7 “Cheeky Rafiki” si era ribaltato. Una vicenda che aveva scosso il mondo dei velisti e che, da oggi, assume un’importanza cruciale.

UN CASO DI IMPORTANZA CRUCIALE
Un caso unico, perché di solito non si identifica mai il responsabile in queste situazioni. E invece è stato accusato di omicidio colposo il gestore della barca (Douglas Innes della società inglese di charter e scuola vela Stormforce Coaching), per gravi negligenze nella preparazione dell’imbarcazione, a bordo della quale i quattro sfortunati velisti stavano ritornando a Southampton dalla Antigua Sailing Week. L’accusa arriva dopo due anni di indagini a cura della Guardia Costiera atte a ricostruire la dinamica dell’incidente. E’ un caso di giurisprudenza importante (qualora si arrivasse a sentenza di condanna) che deve mettere in guardia chi non prepara la barca adeguatamente per sostenere navigazioni d’alto mare che causano incidenti gravi e/o mortali all’equipaggio.

Il luogo dell'incidente
Il luogo dell’incidente

COSA ERA SUCCESSO
Si era ipotizzato che i quattro avessero abbandonato l’imbarcazione a bordo delle zattere di salvataggio in dotazione: zattere che invece sono state ritrovate a bordo del relitto capovolto del First 40.7 “Cheeky Rafiki”, sul quale i velisti stavano ritornando in Inghilterra.

_91558556_yacht_rya
I quattro velisti morti in Atlantico

UN’ODISSEA DALLA FINE TRAGICA
Le ricerche, che erano state interrotte dopo due giorni dall’incidente, per poi riprendere a seguito dei numerosi appelli arrivati dal web, coordinate dalla Guardia costiera statunitense in collaborazione con la rivista World Cruising Club, sono terminate dopo il ritrovamento della barca. Nessuna speranza per Paul Goslin, 56 anni, Steve Warren, 52, Andrew Bridge, 22, e James Male, 23.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “La barca scuffia, quattro velisti muoiono. Il colpevole è il gestore?”

  1. Mha non ho seguito a sufficenza la vicenda per esprimere un giudizio serio . Ma comunque il bulbo NON si deve staccare mai ! ! E putroppo se succede la barca sicuramente si capovolge in un istante … è uno di quei incidenti che potrebbero non lasciare il tempo di reagire .. .i bulbi , pinne ecc.devono essere solidali allo scafo in maniera più robusta possibile .

  2. Diversi anni fa morirono due velisti milanesi tra cui una donna al largo dell Elba, anch’ essi su un First 40.7 charterizzato dopo che un onda anomala capovolse la barca. Qualche dubbio sull’ affidabilità/sicurezza di questo modello sorge spontaneo….

  3. quel tipo di barca non mi ha mai dato fiducia la zavorra insufficente, la stabilità di forma in condizioni estreme non garantisce che la barca si raddrizzi.Ma probabilmente i velisti avrebbero dovuto essere legati, la barca non è affondata e se fossero stati legati se la sarebbero cavata. Se si è staccato il bulbo allora la responsabilità è del cantiere. l’armatore non puó essere incolpato

  4. La responsabilità penale delle persone a bordo anche se é solo una gita tra amici é sempre stata del comandante/skipper dell’imbarcazione. Non c’è nulla di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su